Marzo 30, 2022

Vinage storia

Vinage storia

sigillo di Aymon de Montagne, ultimo Gran Maestro della Casa dell’Elemosina e primo Abate dell’Ordine di Sant’Antonio
La Casa dell’Elemosina e poi l’Ordine di Sant’Antonio, un ordine ospitale
Così, sul sito della chiesa parrocchiale, inizia la costruzione di una nuova chiesa, progettata per ospitare pellegrini da tutto il mondo, attratti dalla fama di Sant’Antonio. A quel tempo, numerose epidemie decimarono la popolazione. Uno di questi è dilagante in Europa e, forse, più in particolare in Dauphiné: è l’ignis sacer o fuoco sacro. A seconda della forma in cui si manifesta il Male Infuocato o il Fuoco di Sant’Antonio.
In un momento in cui la medicina è praticamente inesistente, i malati verranno in gran numero a chiedere l’intercessione di un santo rinomato come taumaturgo e recentemente onorato. Guarigioni avvengono che provoca un afflusso di malati che si mescolano con i pellegrini. Di fronte allo spettacolo della miseria di queste persone che si arrampicano per avvicinarsi alle reliquie, i compassionevoli signori locali decidono di dedicarsi alla loro accoglienza e creare una fratellanza secolare chiamata Casa dell’Elemosina, di cui Gaston de Valloire, l’istigatore, sarà il primo Gran Maestro (1095).
A poco a poco, la Casa dell’Elemosina si sta strutturando. Da secolare diventa una comunità di fratelli. Ha costruito un ospedale per ricevere i malati e fornire loro cure. Sviluppa tecniche mediche attraverso decotti (Saint Vinage), unguenti (balsami) e semplici interventi chirurgici (amputazioni). Viene costruito un secondo ospedale, chiamato ospedale degli smembrati. Permette amputati (smembrati) che desiderano rimanere in modo permanente. È nato il principio dell’ospizio.
Nel 1297 papa Bonifacio VIII pose fine a una situazione divenuta inestricabile rimandando i Benedettini a Montmajour ed erigendo la Casa dell’Elemosina, in un ordine religioso: i canonici regolari dell’Ordine di Sant’Antonio.

AMPUTAZIONE

amputazione con una sega di Antonini (dopo Hans Von Gersdorff)
amputazione con una sega di Antonini (dopo Hans Von Gersdorff)
Mal des ardents
o il Fuoco di Sant’Antonio?
Il Medioevo fu attraversato da una serie di epidemie con conseguenze disastrose. Queste malattie ad alta mortalità e che si diffondevano puntualmente per una durata più o meno lunga venivano chiamate con il termine generico “peste”.

È sulla base di testimonianze e diagnosi che diventeranno sempre più accurate nel tempo, che è stata identificata una malattia che ha avuto un’epidemia solo il gran numero di persone colpite alla volta. Questa malattia, che col senno di poi si rivelerà piuttosto endemica, era particolarmente dilagante dopo lunghi periodi freddi e umidi e in tempi di scarsità. La malattia si presentava in due forme: una forma convulsa che provocava contratture, convulsioni o persino allucinazioni – questo era il Male dell’ardente – e una forma cancrena che generava vasocostrizioni, necrosi degli arti. Prese il nome del Fuoco di Sant’Antonio non appena si notò la parte presa da questo santo nella sua guarigione. Gli arti anneriti, asciugati e poi staccati dal resto del corpo.

Fu solo nel 16 ° secolo che fu scoperta la causa diretta della malattia, l’ergot di segale, che fu successivamente confermata dalla Royal Academy of Sciences. La malattia riceverà quindi il nome ergotismo. In condizioni climatiche di freddo e umidità, un fungo ha parassitato i cereali e più specificamente la segale. Il suo assorbimento ha causato intossicazione con le conseguenze che conosciamo. Un periodo di scarsità ha solo accentuato il rischio.

Il Santo Vinage: un rimedio miracoloso

Gli Antonini fornivano assistenza ai malati sotto forma di bevanda e balsami. I balsami sono stati fatti sulla base di grasso di maiale e piante. La bevanda è conosciuta come Saint Vinage.

Vinage, perché è stato fatto con il vino, proveniente dai vigneti adiacenti l’abbazia, in cui alcune piante con riconosciute virtù sono stati macerati. Queste piante, numerando 14, erano le seguenti: piantaggine alta, piantaggine lanceolata, papavero, verbena, ranuncolo bulboso, scrofola acquatica, ortica bianca, ciarlatano strisciante, véronique petit-chêne, croisette di genziana, veleno addomesticato, trifoglio bianco, souchet e farro.

Santo, perché la bevanda è stata benedetta e portata in contatto con le reliquie nel giorno dell’Ascensione, che era il giorno della grande processione del santuario di Sant’Antonio.

L’Abbate

L’Abate Tholosain (ritratto anonimo conservato nel Museo di Sant’Antonio)
L’Abate Tholosain (ritratto anonimo conservato nel Museo di Sant’Antonio)
Ci sono più di 380 stabilimenti collegati alla Società madre. Il Papa stesso affidò agli Antonini l’Ospedale di Sant’Andrea a Roma. Ciò significa la fiducia posta nell’Ordine. L’Ordine si arricchisce grazie alla generosità concessa e alle acquisizioni effettuate. La chiesa abbaziale vede le persone più grandi correre alle reliquie: re (Carlo V, Carlo VII, Luigi XI, Francesco 1°…), imperatori (gli imperatori della Germania Carlo IV e Sigismondo …), principi e principesse (Anna di Bretagna, il duca d’Angiò, il duca di Borgogna …) infine, papi (Martino V, il futuro Clemente VII e Benedetto XIII…).

Ahimè, nel 16 ° secolo, le Guerre di Religione che durarono più di trent’anni (1562-1598), misero fine a questa magnificenza. Gli ugonotti, inviati dal barone des Adrets, investirono la piccola città cinque volte. Saccheggiano il tesoro e i reliquiari. Bruciano gli archivi comprese le tane che giustificavano i diritti e le rivendicazioni dell’ordine sulle loro dipendenze. Attaccarono anche la chiesa, le cui statue e vetrate furono rotte e diedero fuoco al campanile. Quando la pace tornò, i canonici scoprirono, al loro ritorno, solo rovine e desolazione.Sotto la guida dell’abate Tholosain, eletto nel 1597, e dei suoi successori (in particolare Jean Rasse), l’Ordine conobbe un’ondata: riforma della regola, riparazione del campanile, ristrutturazione di edifici, nuove costruzioni, ristrutturazione del villaggio. Dopo un ritorno effimero, l’incendio di Sant’Antonio praticamente scomparve dal 1730 e la vocazione ospedaliera, che giustificava l’esistenza dell’ordine antonino, fu notevolmente diminuita.

Nel 18 ° secolo, le vocazioni diminuirono, l’Ordine morì. Gli ultimi abati si sacrificano ai gusti del giorno – siamo nell’età dei Lumi-dando all’abbazia un lustro scientifico, teologico, letterario. L’abbazia si indebita, le donazioni scarseggiano, anche le vocazioni.

Una commissione di regolari (1766-1780) fu istituita da Luigi XV per limitare il numero di ordini religiosi. L’ordine fu unito all’Ordine di Malta e scomparve contemporaneamente nel 1777. La permanenza dei Cavalieri di Malta a Sant’Antonio è molto breve: il luogo è troppo remoto, il clima troppo rigido. Presero gli archivi e i libri più rari dalla biblioteca alla loro commenda a Lione e cedettero l’abbazia alle donne canoniche del loro ordine. Provenienti solo da famiglie nobili (era necessaria la giustificazione di otto quartieri nobili), questi si stabilirono nel 1787 e trasformarono gli edifici monastici in appartamenti privati, il che portò alla distruzione, tra le altre cose, del refettorio gotico e dell’ammirevole rosone che lo illuminava.

La Rivoluzione, qui come altrove, saccheggiò l’edificio, disperse le merci e causò la vendita degli edifici conventuali che, per la maggior parte, furono trasformati in fabbriche. La chiesa, invece, diventa chiesa parrocchiale.

Nel 1840, Prosper Mérimée, durante il suo tour de France dei monumenti, lo notò e lo classificò come monumento storico

Altri articoli

  • Luglio 17, 2024
    AFOM Mauriziano Sant’Antonio Abate nella mano sinistra tiene il libro con la regola dell’Ordine Antoniano?
  • Luglio 16, 2024
    La Fòcara 2017 Paolo Del Debbio L’Homo Novoliensis ha fatto la Fòcara una memoria che rivive e la sentite dentro di voi

Eventi e Feste

Eventi e Feste

Schede

Schede