Settembre 16, 2022

 Théodore Mitte de Saint-Chamond ) fu abate dell’0rdine di Sant’Antonio de Viennois , dalla fine del xv  secolo fino alla morte nel 1527 . In quei tempi l’imperatore Massimiliano D’Austria diede all’ordine degli ospedalieri lo scudo delle armi dell’impero.

 Théodore Mitte de Saint-Chamond ) fu abate dell’0rdine di Sant’Antonio de Viennois , dalla fine del xv  secolo fino alla morte nel 1527 . In quei tempi l’imperatore Massimiliano D’Austria diede all’ordine degli ospedalieri lo scudo delle armi dell’impero.

Aggiungi lingue

Questo articolo religioso è solo un abbozzo .

Puoi condividere le tue conoscenze migliorandole ( come? ) secondo le raccomandazioni dei progetti corrispondenti .Teodoro Mitte

Vescovo
Abate
Morte1527
Attivitàprete cattolico
ReligioneChiesa cattolica

modifica – modifica codice – modifica Wikidata

Théodore Mitte de Cabrière (o Théodore Mitte de Saint-Chamond ) fu abate dell’ordine di Sant’Antonio de Viennois , dalla fine del xv  secolo fino alla sua morte nel 1527 . Fu ai suoi tempi che l’imperatore Massimiliano diede al suo ordine lo scudo delle armi dell’impero.

Biografia [ modifica modificare il codice ]

Théodore de Saint-Chamond aderì all’abbazia nel 1495: fu eletto abate generale degli Antonini . Ricordiamo dal suo ministero la risoluzione dei problemi che dividevano la sua abbazia di Saint-Antoine da quella di Montmajour al tempo del suo predecessore, Pierre de Laire . I suoi doveri di abate generale dell’ordine Antonino gli diedero il sopravvento sulla costellazione di comandanti stabiliti da un capo all’altro dell’Europa cristiana, in particolare Italia, Germania e Francia.

Nel 1502 aderì alla presidenza degli Stati del Delfinato in assenza del vescovo , e questo, in virtù di una prerogativa concessa nel 1305 dal signore del Delfinato . È poi mantenuto dal parlamento.

Dal 1512 frequentò la corte dei Lorena, dove probabilmente lo portarono gli interessi locali degli Antonini. Non è impossibile che sia stato “guidato a distanza” dal re di Francia (di cui è suddito), o invitato dal suo amico Symphorien Champier , primo dottore di Antoine , duca di Lorena. I suoi rapporti con il duca di Lorena furono tanto più ottimi, in quanto Antoine dedicò grande devozione al suo santo patrono (durante la campagna di Marignan trascorse un lungo ritiro presso l’Abbazia di Saint-Antoine de Viennois). Théodore si stabilì definitivamente alla corte ducale di Nancy, dove si affermò come il vero capo del governo principesco, con tre aree principali: relazioni esterne, affari ecclesiastici e gestione del patrimonio, in particolare quello delle miniere d’argento: era il artefice della convenzione arbitrale del 1526 che fissa i diritti del duca di Lorena sulle miniere dei Vosgi contro quelli dell’imperatore e dei Ribeaupierre.

Nel 1520 Teodoro partecipò all’incoronazione imperiale di Carlo V, dove incontrò la maggior parte dei principi di Germania. L’anno successivo si recò a Roma attraverso la Dieta di Worms . Tornò con la solenne conferma dei privilegi dell’Ordine Ospedaliero di Sant’Antonio da parte del giovane imperatore, e con bolla di papa Leone X che lo nominava commissario apostolico incaricato di perseguire l’eresia luterana nella diocesi di Metz e nelle diocesi vicine.

Dal 1523 Teodoro si impadronì degli scritti di Lutero e arrestò i predicatori luterani e iniziò la persecuzione dei protestanti: rogo di Jean Chatelain a Vic-sur-Seille il 12 gennaio 1525, rogo di Wolfgang Schuch, sacerdote noto come “eretico” di Saint-Hyppolyte , a Nancy , 21 giugno 1525, ecc.

Fu probabilmente uno dei maggiori istigatori dell’intervento del duca Antoine volto a reprimere la rivolta dei contadini in Alsazia ( Guerra dei Rustaud  ; 16 aprile – 20 maggio 1525) 1 .

Gli dobbiamo anche la pubblicazione di sette lettere inedite di Sant’Antonio , che ebbe dalla biblioteca di Jean e François Pic , principi di Mirande , e che furono successivamente annotate con le quali Théodore fece amicizia fino alla sua morte.

Altri articoli

  • Luglio 13, 2024
    Restauri e tutela dei beni che fanno la storia dei monaci Antoniani di Ranverso
  • Luglio 11, 2024
    Il campanello di Sant’Antonio Abate inciso sulla stele in granito di Ranverso.

Eventi e Feste

Eventi e Feste

Schede

Schede