Dicembre 2, 2023

Ranverso sotto il segno del Tau.

Ranverso sotto il segno del Tau.

24.1  | Variazione 2020

Tesi

Sotto il segno del Tau. Dalla confraternita secolare all’abbazia, Saint-Antoine e la sua rete di dipendenze nelle Alpi occidentali, dall’XI al XV secolo

Julie Dhondt

https://doi.org/10.4000/cem.17316

Contorno  | 

Testo  | 

Note  | 

Riferimenti  | 

Circa l’autore

CONTORNO

Storiografia e fonti: un’abbazia poco conosciuta

Studiare la rete canonica di Saint-Antoine: definizione e sfide del concetto

Verso la definizione di un nuovo movimento canonico: l’ibridazione dei canoni di Saint-Antoine

Inizio pagina

TESTO INTERO

PDFCondividi tramite e-mail

Immagine a grandezza naturale

1Intorno al 1070, un nobile di nome Jocelyn riportò a Vienne le reliquie del santo egiziano Antonio. Il suo ritorno da Costantinopoli fu oggetto di numerose storie leggendarie medievali e, anche in tempi moderni, i cronisti continuarono a commentare questa misteriosa traduzione.

  •  Grenoble , Biblioteca Comunale , Q 339, p. 3.

Jocelin ritornò in Francia dove fu accolto da tutto il popolo con segni di gioia. Jocelin non sapendo dove mettere questo sacro deposito, [se lo fece] portare con sé in tutti i suoi viaggi […] e anche in guerra 1 .

  •  Grenoble , Biblioteca Comunale , U 917, p. 161, citato in L. Maillet-Guy, “Documenti e note p (…)
  •  J. Dhondt, “I delfini e il culto di Sant’Antonio ( XIV- XIV secolo :  l’intercessione di (…)

2Se quest’anonimo si sofferma sulla descrizione della peregrinazione delle ossa di sant’Antonio, è perché ci volle una rimostranza di papa Gregorio VII perché Jocelin accettasse finalmente di depositare le reliquie di sant’Antonio nella chiesa di La Motte-aux- Bois nel 1074 2 . Questo piccolo villaggio, situato tra Grenoble e Valence, nel cuore della contea di Albon-Viennois, prese il nome di Saint-Antoine-en-Viennois. Quando la sacra malattia del fuoco, ignis sacer , ora identificata come ergotismo cancrenoso, provocò ulteriore caos nella regione, le popolazioni disorientate cercarono protezione e guarigione da un santo locale. Questa recente traslazione delle reliquie ha incoraggiato i malati a credere nelle virtù di questo santo venuto dall’Egitto: da eremita del deserto, sant’Antonio è diventato un rinomato taumaturgo per un miracoloso incidente di pietà 3 . Il sacerdote secolare responsabile delle reliquie fu presto sopraffatto da questa mania e, non potendo gestire l’afflusso di pellegrini, restituì la chiesa di Sant’Antonio alla chiesa madre di Vienna.

  • 4  U.  Chevalier , Regeste dauphinois o elenco cronologico e analitico dei documenti a stampa e (…)

3Nel 1083, Gontard, vicario della chiesa di Vienne e vescovo di Valence, con l’accordo del capitolo di Vienne, decide di affidare la chiesa di Saint-Antoine ai Benedettini di Montmajour 4 . A livello locale, l’azione dei monaci fu sostenuta anche dalla nascita di una confraternita dedita alla cura degli infermi intorno al 1090. La fondazione di questo piccolo gruppo di laici, ad opera di Gaston e di suo figlio Guérin, due nobili locali, rifletteva così lo slancio ispirato dalla diffusione delle correnti evangeliche e apostoliche alla fine dell’XI secolo . Questi fratelli adottarono una forma di vita religiosa intesa a incarnare un ideale di povertà, fraternità e servizio al prossimo. Posta sotto la supervisione dei Benedettini di Montmajour, la Fraternità intraprese finalmente il cammino di istituzionalizzazione grazie al sostegno delle autorità ecclesiastiche. Nel 1247 Innocenzo IV concesse ai suoi membri lo status di canonici regolari poi, nel 1297, Bonifacio VIII ne stabilì il priorato come abbazia indipendente sottratta alla supervisione di Montmajour. I benedettini furono allora espulsi da Saint-Antoine e i canonici regolari presero possesso della chiesa e delle sue preziose ossa. La progressiva regolarizzazione della Fraternità laicale non fu che il corollario del desiderio dei suoi membri di condurre una vita religiosa insieme contemplativa e attiva. Intorno alle reliquie di sant’Antonio e alla loro vocazione all’ospitalità, i canonici svilupparono pratiche liturgiche, devozionali e terapeutiche e la congregazione si presentò così come un nuovo cammino nell’ambiente canonico.

Storiografia e fonti: un’abbazia poco conosciuta

  • 5  H.  Dijon , Le Bourg e l’abbazia di Saint-Antoine durante le guerre di religione e la Lega, 15 (…)
  •  I.  Ruffino , Storia ospedaliera antoniana: studi e ricerche sugli antichi ospedali di sant’Antoni (…)
  • 7  Gli studi sono raggruppati attorno ad una rivista fondata da Adalbert Mischlewski: l’ Antoniter Forum .
  • 8  R.  Villamena , “Religio Sancti Antonii Viennensis. Gli Antoniani tra Medioevo ed età moderna”, Bo (…)
  • 9  Y. Kinossian , L’abbazia di Saint-Antoine e le sue precetture nelle diocesi di Vienna e Gren (…)
  • 10  Il mio studio copre un vasto territorio, che si estende dalla valle del Rodano alla pianura padana nella (…)

4L’abbazia di Saint-Antoine rimase a lungo nell’ombra degli studi storici. Il più delle volte citata come esempio, l’abbazia è stata solo occasionalmente oggetto di lavori scientifici. Precursori della storia antonina, Hippolyte Dijone Luc Maillet-Guy, alle opere fondatrici di Adalbert Mischlewski 5 , via Italo Ruffino 6 , la storiografia di Saint-Antoine si è sempre divisa tra due filoni: le monografie locali e la cronistoria, a volte solo istituzionale, dedicata alla creazione del canone ordine e la sua lotta contro il controllo imposto dall’abbazia di Montmajour. Oggi, la storia di Saint-Antoine continua ad attrarre ricercatori. Essendo l’abbazia diffusa in tutta Europa, i suoi archivi sono essi stessi molto dispersi, il che ha naturalmente dato luogo, come per altre grandi abbazie occidentali, a studi condotti per aree geografiche. Se in Germania la ricerca poteva riunirsi attorno ad Adalbert Mischlewski 7 , in Italia 8 come in Francia 9 , il lavoro attorno a Saint-Antoine resta ad hoc e spesso si concentra su un unico aspetto dello studio: economico, ospedaliero o liturgico. La mia ricerca mira a trascendere queste divisioni nazionali contemporanee e la segmentazione dei temi in un approccio reticolare che combina eventi e storia locale per una nuova visione delle dinamiche complessive della rete dell’abbazia di Saint-Antoine. L’estrema portata di quest’ultima richiede però cautela: evidentemente la supervisione dell’abbazia del Delfinato non aveva ovunque lo stesso significato. Quanto più gli annessi erano lontani dalla casa madre, tanto maggiore era la loro autonomia. Non tutti gli insediamenti antoniani erano paragonabili. Ho scelto quindi di concentrarmi sul cuore della rete, le Alpi Occidentali 10 , l’unico per il quale è veramente percepibile una dinamica reticolare.

  • 11  Archivio dipartimentale del Rodano, serie 49 H.
  • 12  Archivi dipartimentali delle Bocche del Rodano, serie 2 H e 56 H.
  • 13  Archivio dipartimentale dell’Isère, serie 10 H e Biblioteca municipale di Grenoble, documenti vari (…)
  • 14  Archivio dipartimentale delle Hautes-Alpes, ore 10.00 1.
  • 15 15 Archivio di Stato di Torino , Materiali ecclesiastici, Abbazie, Ranverso, Sant’Antonio, Mazzo unic (…)
  • 16  A.  Falco , Antonianae historiae compendium ex variis iisdemque gravissimis ecclesiasticis scriptori (…)
  • 17  Un unico esempio di inventario per il periodo medievale, redatto nel 1336 e per la precettoria di G (…)
  • 18 18 Archivio dipartimentale dell’Isère, 10 H 1, 10 H 2, 10 H 3, J 577, INV 38/218; Partenza degli archivi (…)

5Il rinnovamento della storia di Saint-Antoine comporta anche e soprattutto un cambio di metodo e un ritorno alle fonti. Poco conosciuto, l’archivio dell’abbazia rimase non meno abbondante: da Lione 11 a Marsiglia 12 , passando per Grenoble 13 , Gap 14 e Torino 15 , i fondi erano tanto diversi quanto densi, costituiti principalmente da carte isolate. Queste fonti hanno ovviamente i loro difetti, come l’assenza di cronache medievali, dato che la prima storia dell’ordine appare solo all’inizio del XVI secolo  sotto la penna di Aymar Falco, egli stesso canonico di Saint-Antoine 16 . Mancano inventari anche per il periodo medievale 17 , rendendo inevitabile lo studio degli inventari moderni 18 . Le analisi hanno permesso di individuare informazioni specifiche che poi hanno dovuto essere assemblate. I dati testuali sono stati così elaborati in un database FileMaker con tre tipologie di voci, per documento, per dipendenza e per carattere. Questa prima risorsa è stata integrata da alcuni file Excel risultanti dall’analisi degli inventari moderni. Alcuni di questi dati sono stati poi sottoposti a elaborazione spaziale da parte del software del sistema di informazione geografica (GIS), Qgis. Questi diversi strumenti mi hanno permesso di sviluppare un approccio multiscalare, rivisto nella sua cronologia così come nel suo spazio, e di sviluppare numerose analisi grafiche – mappe, tabelle e diagrammi – fino ad allora inesistenti per l’abbazia di Saint-Antoine (Fig. 1 e 2).

Fico. 1 – La nascita della rete Saint-Antoine (1180-1240)

Zoom originale (jpeg, 752k)

Fico. 2 – La rete di dipendenze di Saint-Antoine  nel XV secolo

Zoom originale (jpeg, 676k)

Studiare la rete canonica di Saint-Antoine: definizione e sfide del concetto

  • 19  Nascita e funzionamento delle reti monastiche e canoniche , Saint-Étienne, 1991.
  • 20  C.  Caby , Dall’eremitismo rurale al monachesimo urbano: i camaldolesi in Italia alla fine del Medio (…)
  • 21  D.  Iogna-Prat , M.  Lauwers , F.  Mazel , I.  Rosé , D.  Russo e C. Sapin ( dir .) , Cluny: i monaci e il (…)

6Questa ricerca si inserisce in una riflessione più ampia sul concetto di rete e sulla sua interpretazione in ambito canonico. La scelta di questo paradigma non è banale e richiede subito alcune precisazioni. La validità di questo strumento concettuale è già stata ampiamente dimostrata a seguito del convegno del CERCOR del 1985, intitolato Nascita e funzionamento delle reti monastiche e canoniche 19 . Successivamente, questa riflessione intorno alla nozione di rete è stata alimentata da numerosi studi che hanno messo in luce congregazioni poco conosciute 20 o dinamiche presenti all’interno di ordini più tradizionali, ma fino ad allora ignorate 21 . Tuttavia, l’uso massiccio del concetto, a volte in modo errato, mi invita a definirlo con maggiore precisione nelle sue diverse accezioni. La rete delle dipendenze di Saint-Antoine è innanzitutto una realtà territoriale, anche se la dinamica organizzativa che essa genera la trasforma anche in un vettore di istituzionalizzazione, favorendo la progressiva trasformazione della Fraternità in un ordinamento canonico. La formazione di una rete istituzionalizzata dell’abbazia di Saint-Antoine presuppone quindi l’istituzione di una gerarchia e di metodi di controllo stabiliti dall’abbazia madre per le sue dipendenze. Come corollario di quest’ultima, la rete Saint-Antoine si afferma anche come una potente rete finanziaria, nella quale confluiscono tutte le tasse annuali per il pagamento della pensione dovuta all’abbazia di Montmajour, rendita attribuita al grande ospedale di Saint-Antoine – convergono verso la casa madre. Questa riflessione pone sullo sfondo la questione degli attori: la rete non vive solo attraverso le sue strutture, ma è ben incarnata da uomini e donne che talvolta ne scuotono la fissità attraverso pratiche individuali e informali. Sociali, attorno alla questione della proprietà fondiaria e delle sue transazioni, o liturgici, attraverso la fondazione di cappelle private, queste pratiche trasformano la rete di Saint-Antoine in una rete più personale che va oltre il quadro della comunità canonica stricto sensu. Al di là di una dinamica interna, il concetto di rete ci invita quindi a pensare alla congregazione dei canonici di Saint-Antoine nel suo inserimento nella società. In quest’ottica si tratta anche di evidenziare la specificità del modello economico dell’abbazia, delle sue strutture e delle sue risorse.

  • 22  C.  Caby , “Fondazione e nascita degli ordini religiosi: spunti per uno studio comparato degli ordini religiosi (…)

7In sintesi, il concetto di rete permette di mettere a fuoco non solo le espressioni materiali e gli attori del movimento fraterno di Saint-Antoine, ma anche le sue dinamiche strutturali e informali. Da un lato, il paradigma ripristina il carattere processuale della fondazione dell’abbazia di Saint-Antoine 22 , non confinandola né al suo status di fraternità primitiva né a quello di ordine, la cui efficacia non è affermata come nel XIV secolo  secolo. D’altro canto, oltre all’interesse mostrato per strutture e attori, il concetto di rete evidenzia le dinamiche di integrazione incoraggiate dai canoni per garantire la trasponibilità e la sostenibilità del loro modello. Questi habitus specifici dell’Abbazia di Saint-Antoine invitano a riflettere sulla convergenza di norme e pratiche e contribuiscono alla costruzione dell’identità della congregazione. Così, il Tau blu sull’abito di colore scuro dei canonici si affermò come simbolo di appartenenza al gruppo canonico e questo emblema contribuì alla standardizzazione del movimento a partire dalla seconda metà del XIII secolo  . Dalla norma imposta dall’istituzione, al costume e alle pratiche personali e comunitarie dei canonici, emerge nel Delfinato una forma unica di vita religiosa. Al di fuori degli schemi tradizionali, la Congregazione di Saint-Antoine incarna la diversità e l’abbondanza di una comunità di uomini e donne combattuti tra la conformità ai quadri normativi e le particolarità locali.

Verso la definizione di un nuovo movimento canonico: l’ibridazione dei canoni di Saint-Antoine

8Il problema della mia tesi nasce quindi dall’incontro di questa doppia interrogazione, prima interna, sulla fondazione e il funzionamento di un ordine canonico, poi esterna, sulla sua integrazione nella società della fine del Medioevo. Come conciliare l’originaria vocazione di assistenza e l’ideale apostolico ed evangelico con l’integrazione nel mondo secolare? La prospettiva cronologica è apparsa subito inevitabile nella strutturazione del tema, le rotture istituzionali si sono affermate come altrettante scansioni da evidenziare nel racconto storico di questa rete attraverso questi quattro secoli. Dalle sue origini alla sua fondazione in ordine canonico nel 1247 (parte I), poi fino alla sua erezione in abbazia nel 1297 (parte II), Saint-Antoine e la sua rete di dipendenze si trasformano in una potenza religiosa e politica nel cuore di Delfinato e di Savoia (parte III). Costretta a ridefinire la propria unità in seguito agli sconvolgimenti del Grande Scisma e alla dinamica riformatrice, l’abbazia continuò tuttavia a brillare fino alla fine del XV  secolo (parte IV). L’originaria vocazione assistenziale continuò, come testimonia l’organizzazione degli ospedali, ma si trasformò progressivamente. I canoni puntavano sull’accoglienza liturgica e devozionale, affidando la materialità del soggiorno e la cura degli ammalati a laici di vario status o a confraternite locali.

  • 23  D.  Carraz , L’Ordine dei Templari nella bassa valle del Rodano, 1124 -1312: ordini militari, incrociati (…)
  • 24  N. _ Bériou , “Introduzione”, in N. Bériou e J. _ Chiffoleau (dir.), Economia e religione: la (…)

9Questa riflessione considera quindi la storia di Saint-Antoine come osservatorio privilegiato delle mutazioni della vita religiosa alla fine del Medioevo. In questa prospettiva, la specificità del canone di Saint-Antoine non risiedeva tanto nella sua funzione, la cura dei pazienti affetti da ignis sacer , quanto nella sua ibridità. La mia tesi è quindi l’occasione per stabilire confronti con gli ordini militari e ospedalieri 23 così come con gli ordini mendicanti 24 , l’ordine canonico di Saint-Antoine prendendo a sua volta in prestito alcune delle loro particolarità. Il canonico di Saint-Antoine era un religioso ibrido, metà mendicante e metà ospitale, soggetto alla regola monastica e ad uno stile di vita comunitario e claustrale, anche se l’itineranza lo portava a praticare la predicazione e l’accattonaggio e che, attraverso la sua attività temporale di ospitalità, si è intromesso nel mondo secolare e ne ha assunto alcuni tratti. Pienamente investiti nella loro vita secolare, i canonici di Saint-Antoine non rifiutarono né le molle economiche né i vincoli del feudalesimo. Mendicante, ospedaliero, prete, il canonico di Saint-Antoine metteva in pratica ciò che la struttura del suo convento gli proponeva e gli imponeva, incarnando così una forma di opportunismo dannosa per la sua immagine. Queste definizioni e categorizzazioni impossibili dell’ordine canonico nel suo insieme, così come dei suoi membri, hanno portato all’assenza di qualsiasi modello di santità emergente all’interno della sua comunità. Per compensare questa mancanza di carisma originale e di notevole esempio di vita, l’ordine canonico ha fatto della polisemia di sant’Antonio la cantrice della sua azione e della sua unità simbolica. Ognuna delle sfaccettature del santo rappresentava così, in una sintesi sorprendente, i diversi percorsi intrapresi dai canonici. Eremita con la campana, ricordava il vagabondare e le ricerche praticate dai confratelli, mentre taumaturgo ne personificava la vocazione ospitale, contribuendo al ricordo delle origini. Infine, abate, rappresentò l’istituzione di cui fu allo stesso tempo l’iniziatore e il prodotto. Sant’Antonio incarnò così pienamente il modello della comunità a lui dedicata.

10“Sotto il segno del Tau” fioriva così una via di mezzo, una via di mezzo tra la vita canonica regolare e la vita secolare laicale.

11“Sotto il segno del Tau” si è affermata un’abbazia singolare, una potenza politica e religiosa nel cuore del Delfinato e della Savoia.

12“Sotto il segno del Tau” significava allora scrivere la storia di un luogo, di un quadro istituzionale ed economico – da movimento fraterno a congregazione canonica, da casa ad abbazia, capo dell’ordine a capo di una rete di dipendenze – e degli uomini e delle donne che hanno fatto di questo simbolo un impegno per tutta la vita.

Ricevuto: 31 marzo 2020 – Accettato: 3 maggio 2020

Inizio pagina

APPUNTI

 Grenoble , Biblioteca Comunale , Q 339, p. 3.

 Grenoble , Biblioteca Comunale , U 917, p. 161, citato in L. Maillet-Guy, “Documenti e appunti al servizio della storia dell’abbazia di Saint-Antoine”, Annales Dauphinoises (1902), p. 174.

 J. Dhondt, “I delfini e il culto di Sant’Antonio ( XIV- XIV secolo :  dall’intercessione del santo taumaturgo a quella del garante della sostenibilità della stirpe dei delfini”, in S. Édouard ( dir .) , Le santità politiche dal IX al XVIII secolo . Intorno alla cattolica Lotaringia-Dorsale , Parigi, 2020, p. 67-82.

4  U.  Chevalier , Regeste dauphinois ovvero repertorio cronologico e analitico dei documenti a stampa e manoscritti relativi alla storia del Delfinato, dalle origini cristiane all’anno 1349 , t. 1, Valenza, 1913, pag. 407, n° 2366 e ss. 7, Vienna, 1926, pag. 8, numero 126.

5  H.  Dijon , Il villaggio e l’abbazia di Saint-Antoine durante le guerre di religione e della Lega, 1562-1597 , Grenoble, 1900. Id ., La chiesa abbaziale di Saint-Antoine nel Delfinato: storia e archeologia , Grenoble, 1902. L.  Maillet-Guy , Le commende dell’Ordine di Sant’Antonio nel Delfinato , Ligugé (Vienne), 1932; Id . , I Gran Priori dell’Abbazia di Saint-Antoine , Lione, 1923; Id . , Le parrocchie antoniane dell’antica diocesi di Vienne: Saint-Antoine, Marnans, Roybon, St-Marcellin ecc. , Grenoble, 1910 (Presso gli uffici della “Croix de l’Isère”); Id . , “Le origini di Saint-Antoine”, Bollettino della Società di Archeologia e Statistica della Drôme, 42 (1908), p. 66-78 e 182-186. Si veda in particolare il suo studio principale: A.  Mischlewski , Grundzüge der Geschichte des Antoniterordens bis zum Ausgang des 15. Jahrhunderts. , Colonia/Vienna, 1976; Id . , Un ordine ospedaliero nel Medioevo: i canonici regolari di Saint-Antoine-en Viennois , Grenoble, 1995.

 I.  Ruffino , Storia ospedaliera antoniana: studi e ricerche sugli antichi ospedali di sant’Antonio abate , Torino, 2006 (Studia Taurinensa, 21).

7  Gli studi sono raggruppati attorno ad una rivista fondata da Adalbert Mischlewski: l’ Antoniter Forum .

8  R.  Villamena , “Religio Sancti Antonii Viennensis. Gli Antoniani tra Medioevo ed età moderna”, Bolletino della Deputazione di Storia patria per l’Umbria , 104/1 (2007), p. 79-141; Id . , “Religio sancti Antonii Viennensis. Gli antoniani a Perugia e in Umbria”, Bolletino della Deputazione di storia patria per l’Umbria , 105 (2008), p. 97-160; Id . , «I Cerretani come intermediari degli Antoniani (a proposito de due documenti del 1315 e del 1492)», in Gli ordini ospedalieri tra centro e periferia , Roma, 2007, p. 211-230; L.  Fenelli , Il tau, il fuoco, il maiale: i canonici regolari di sant’Antonio Abate tra assistenza e devozione , Spoleto, 2006; Id . , Dall’eremo alla stalla: storia di Sant’Antonio abate e del suo culto , Roma, 2011; E.  Filippini , Questa e carità , Novara, 2013. Più recentemente Mariangela Rapetti ha svolto ricerche anche sull’espansione dell’Abbazia di Sant’Antonio in Sardegna e in Valle di Susa, si veda ad esempio: L’espansione degli Ospedalieri di Sant’ Antonio di Vienne nel Mediterraneo Occidentale fra XIII e XVI secolo. Archivi e documenti , Perugia, 2017.

9  Y. Kinossian , L’abbazia di Saint-Antoine e le sue precetture nelle diocesi di Vienne e Grenoble ( XIV – XV secolo  ) , Parigi, 1994 D.  Le Blévec , La parte dei  poveri : l’aiuto nei paesi del Basso Rodano dal XII secolo  alla metà del XV secolo , Roma, 2000; P.  Paravy , “Il pellegrinaggio a Saint-Antoine”, Provence historique , 166-41 (1991), p. 475-484; ad ., “La memoria di Saint-Antoine alla vigilia della Riforma. La testimonianza di Aymar Falco (1534)”, in A. Dubreucq (dir.), Scrivere la propria storia: comunità regolari di fronte al proprio passato , Saint-Étienne, 2005, p. 583-609.

10  Il mio studio copre un vasto territorio, che si estende dalla valle del Rodano alla pianura padana a ovest, e dalle sponde del Lago di Ginevra al Mediterraneo. La precettoria di Ranverso viene studiata solo fino a Torino, tutte le sue dipendenze situate più ad est – fino a Venezia – non vengono prese in considerazione per la loro debole partecipazione alle dinamiche reticolari e alle modalità di controllo esercitate dall’abbazia madre.

11  Archivio dipartimentale del Rodano, serie 49 H.

12  Archivi dipartimentali delle Bocche del Rodano, serie 2 H e 56 H.

13  Archivio dipartimentale dell’Isère, serie 10 H e biblioteca comunale di Grenoble, documenti vari.

14  Archivio dipartimentale delle Hautes-Alpes, ore 10.00 1.

15 15 Archivio di Stato di Torino , Materie ecclesiastiche, Abbazie, Ranverso, Sant’Antonio, Mazzo unico et Materie ecclesiastiche, Regolari di qua dai monti, mazzo 15; Archivio dei SS. Maurizio e Lazzaro a Torino, Sant’Antonio di Ranverso.

16  A.  Falco , Antonianae historiae compendium ex variis iisdemque gravissimis ecclesiasticis scriptoribus, necnon rerum gestarum monumentis collectorum, una cum externis rebus quam plurimis scitu memoratuque dignissimis. , Lione, 1534.

17  Un solo esempio di inventario del periodo medievale, redatto nel 1336 e riservato esclusivamente alla precettoria di Gap: Archivio dipartimentale delle Bouches-du-Rhône, 56 H 3559.

18 18 Archivio dipartimentale dell’Isère, 10 H 1, 10 H 2, 10 H 3, J 577, INV 38/218; Archivio dipartimentale del Rodano, 49 H 1.

19  Nascita e funzionamento delle reti monastiche e canoniche , Saint-Étienne, 1991.

20  C.  Caby , Dall’eremitismo rurale al monachesimo urbano: i camaldolesi in Italia alla fine del Medioevo , Roma, 1999; I.  Cartron-Kawe , Le peregrinazioni di Saint-Philibert: genesi di una rete monastica nella società carolingia , Rennes, 2009; N.  Deflou-Leca , Saint-Germain d’Auxerre e sue dipendenze, – XIII secolo : un monastero nella società altomedievale , Saint-Étienne, 2010; Y. Veyrenche , Canonici regolari società meridionali: l’abbazia di Saint-Ruf e i suoi priorati nel sud-est della Francia ( XI – XIV secolo ) , Turnhout, 2018.

21  D.  Iogna-Prat , M.  Lauwers , F.  Mazel , I.  Rosé , D.  Russo e C. Sapin ( dir .) , Cluny: monaci e società nella prima età feudale , Rennes, 2013.

22  C.  Caby , “Fondazione e nascita degli ordini religiosi: osservazioni per uno studio comparato degli ordini religiosi nel Medioevo”, in G.  Melville e A.  Müller (dir), Mittelalterrliche Orden und Klöster im Vergleich. Methodische Ansätze und Perspektiv , Berlino, 2007, p. 115-137; F.  Cygler e G.  Melville , “Nuovi approcci storiografici agli ordini religiosi in Germania. Il gruppo di ricerca di Dresda sulle strutture istituzionali degli ordini religiosi nel Medioevo”, Revue Mabillon , 12 (2001), p. 314-321; G.  Melville , “Alcune osservazioni sui processi di istituzionalizzazione della vita religiosa nei secoli XII e XIII”, Benedictina , 48 (2001), p. 371-394; d ., “Nuove tendenze della storiografia monastica di area tedesca. Le ricerche di Dresda sulle strutture istituzionali degli ordini religiosi medievali”, in G.  Andenna (dir.), Dove va la storiografia monastica in Italia? Temi e metodi di ricerca per lo studio della vita monastica e regolare in età medievale alle soglie del terzo millennio , Milano, 2001, p. 35-51.

23  D.  Carraz , L’Ordine del Tempio nella bassa valle del Rodano, 1124 -1312: ordini militari, crociate e società meridionali , Lione, 2005; A.  Demurger , Monaci e guerrieri: gli ordini religioso-militari nel Medioevo , Parigi, 2010; D.  Carraz , Gli stabilimenti ospedalieri del Massiccio Centrale e delle sue periferie nel Medioevo: dai territori alle reti , Clermont-Ferrand, 2014.

24  N. _ Bériou , “Introduzione”, in N. Bériou e J. _ Chiffoleau  ( dir.), Economia religione: l’esperienza degli ordini mendicanti, secoli XIII – XV , Lione, 2009, p. 7-22; P. _ Bertrand , Il commercio con la signora povertà. Strutture e funzioni dei conventi mendicanti a Liegi ( XIII – XIV secolo  ) , Ginevra, 2004; Id . , “Economia conventuale, gestione della parola scritta e spiritualità degli ordini mendicanti. Intorno all’esempio di Liegi ( XIII  – XV secolo ”  , in N. Bériou e J. _ Chiffoleau (dir.), Economia e religione… , ibid ., p. 101-128; P. _ Bertrand e L. _ Viallet , “La ricerca dell’accattonaggio: spazio, pastorale  , reti”, in J.-L. Fray e C. Pérol (dir.), Lo storico alla ricerca degli spazi , 2004, p. 347-369.Inizio pagina

ELENCO DELLE ILLUSTRAZIONI

TitoloFico. 2 – La rete di dipendenze di Saint-Antoine nel XV  secolo
URLhttp://journals.openedition.org/cem/docannex/image/17316/img-2.jpg
Fileimmagine/jpeg, 676k

Inizio pagina

RIFERIMENTI

Riferimento elettronico

Julie Dhondt , “Sotto il segno del Tau. Dalla confraternita secolare all’abbazia, Saint-Antoine e la sua rete di dipendenze nelle Alpi occidentali, dal XI al XV secolo ” , Bollettino del  Centro di  Studi Medievali di Auxerre | BUCEMA [In linea], 24.1 | 2020, Online dal 21 settembre 2020 , connessione il 02 dicembre 2023 . URL : http://journals.openedition.org/cem/17316; DOI : https://doi.org/10.4000/cem.17316Inizio pagina

CIRCA L’AUTORE

Julie Dhondt

Università Lione 3, Ciham (UMR 5648)Inizio pagina

DIRITTO D’AUTORE

CC-BY-NC-SA-4.0

Solo il testo può essere utilizzato con la licenza CC BY-NC-SA 4.0 . Tutti gli altri elementi (illustrazioni, file importati) sono “Tutti i diritti riservati”, se non diversamente specificato.Inizio pagina

 

Altri articoli

  • Giugno 23, 2024
    Svegliati San Giovanni e non dormire
  • Giugno 16, 2024
    Il simbolo Tau di Ranverso

Eventi e Feste

Eventi e Feste

Schede

Schede