Ottobre 17, 2017

Novoli/ Piantina della Zona Carsica nella Valle della Cupa Salentina, giardini , casini,ville e masserie. Leleganti residenze il Casino nellagro di Novoli il più popolato di ville e casini, a testimonianza delle buone condizioni economiche di chi le abitava commistionano e superano la bellezza di una villa.

Novoli/ Piantina della Zona Carsica nella Valle della Cupa Salentina, giardini , casini,ville e masserie. Leleganti residenze il Casino nellagro di Novoli il più popolato di ville e casini, a testimonianza delle buone condizioni economiche di chi le abitava commistionano e superano la bellezza di una villa.

 

"GIARDINI", CASINI, VILLE E MASSERIE NELLA VALLE DELLA CUPA

L'eleganti residenze il Casino nell'agro di Novoli il più popolato di ville  e casini, a testimonianza delle buone condizioni economiche di chi le abitava  commistionano e superano la bellezza di una villa.

– Novoli Il territorio di Novoli ha un estensione di 17,77 kmq ed una popolazione di 8.838 abitanti. La densità è di 497 ab/kmq. Il commercio assorbe la maggior parte delle imprese, infatti se ne contano ben 345, contro le 169 dell’agricoltura e le 66 dell’industria. Novoli, distante da Lecce 11 km, si trova ai piedi della Serra di Monte d’Oro. Il toponimo deriva dall’originario nome del paese “Sancta Maria De Novis”. La presenza dell'uomo in questa cittadina risale, secondo testimonianze venute alla luce alla fine dell’Ottocento, a tempi remoti: lo dimostra un menhir dell’età del bronzo rinvenuto nei paraggi, nella contrada “Cardamone”. Lo stemma comunale, di recentissima adozione, raffigura un tralcio d’uva posto in diagonale con tre grappoli pendenti: la diffusione del vigneto dopo l’unità d’Italia ha fatto mutare la precedente arma civica, che mostrava la Madonna di Costantinopoli, protettrice del paese prima che Sant’Antonio Abate fosse scelto come patrono nel 1664. Il culto della Madonna di Costantinopoli era stato qui introdotto dai monaci basiliani che, dal IX secolo in poi, popolarono il Salento diffondendovi nuove pratiche religiose. Il paese fu feudo dei Mattei e successivamente della famiglia Scandeberg. Percorrendo le vie del centro si possono ammirare molte case a corte, dalla semplice tipologia, ed interessanti palazzi, tra cui degno di nota il palazzo baronale con un ampio cortile. L’edificio religioso più importante è senza dubbio la Chiesa Matrice, elevata durante il dominio dei Mattei che conserva al suo interno pregevoli affreschi, come l’Ecce Homo, la Nascita della Vergine, e la Moltiplicazione dei Pani. La cappella dell’Immacolata, anticamente chiamata dell’Odegitria,è stata secondo gli studiosi, uno dei luoghi di culto dei monaci basiliani. L’agro di Novoli presenta numerose ville caratterizzate da particolari di grande pregio e testimonianza della buona condizione economica dei proprietari; ricordiamo villa Mellone con l’annessa cappella, villa Portaccio, villa Maria, le Quattro Pizzure. 

http://censimento.valledellacupa.it/img/printer.png

     Piantina della Zona Carsica nella Valle della Cupa Salentina

Nel corso del Settecento nuclei di residenze suburbane si concentrano in alcune porzioni del territorio fra le più fertili di Puglia dando luogo a insediamenti che costituiscono un vero e proprio sistema. Le aree scelte sono quelle caratterizzate dalla fertilità del terreno e dal clima favorevole alle colture, tra queste, la depressione carsica della Cupa storicamente sito privilegiato per la “salutevole sua aria”.

Contestualmente, i processi di riorganizzazione agricola e di riconversione dei feudi improduttivi o macchiosi, la crisi del settore olivicolo e un accresciuto interesse per la produzione vinicola,  che richiederà particolari cure e, più in generale, la maggiore attenzione per le colture legnose a scapito del seminativo, favoriranno il trasferimento dei proprietari per lunghi periodi nella loro residenza di campagna per un controllo diretto ed efficace delle attività agricole. Questo fenomeno determinerà il ridisegno e la riorganizzazione del paesaggio agrario con la proliferazione di ville e casini che si affiancano e talvolta si sostituiscono alle antiche masserie.
Il casino, documentato sin dal Seicento, si diffonde soprattutto nella seconda metà del Settecento, come dimora stagionale a scopo di villeggiatura e di cura, identificando allo stesso tempo un nuovo rapporto tra proprietari e contadini. Si realizza, molto spesso, sopraelevando  il cosiddetto “giardino”, un semplice fabbricato pianterreno con uno o due vani a funzione abitativa per la famiglia del giardiniere. Generalmente una o due camere da letto e un soggiorno molto ampio, con alcuni locali per riporre gli attrezzi da lavoro e una stalla dove i pochi animali vengono allevati con erbe e verdure qui coltivate; il “giardino”, anche come significato letterale, identifica i terreni di pertinenza generalmente di esigua estensione. La tipologia del casino, generalmente un fabbricato a due piani, spesso con scenografiche scalinate e un loggiato al piano nobile, associa la casa del lavoratore alla dimora padronale senza palesare, nell’organizzazione di facciate e volumi, la distinzione fra le due “zone sociali”, al contrario della casina o della villa dove a prevalere è la residenza stagionale del proprietario, fino a mascherare l’alloggio del contadino o del giardiniere. In questo contesto, masserie e piccole costruzioni rurali vengono ampliate o riadattate sulla base delle nuove esigenze abitative e produttive e, ridisegnate secondo un gusto tardo barocco con un’attenzione particolare rivolta al prospetto. Cappella e pozzo, molto spesso a corredo dell’impianto, attestano l’originario ruolo dell’insediamento che, sfruttando un sito privilegiato, si presta alla doppia funzione di dimora contadina e residenza per la villeggiatura. 
Non di rado si assiste ad una commistione fra villa e casino, tanto da renderne difficile qualsiasi distinzione: i due termini vengono usati indifferentemente, tanto che la villa è spesso soltanto una modesta dimora extraurbana appena impreziosita da qualche elemento decorativo di coronamento o dalle monumentali colonne di ingresso, mentre il casino che farebbe pensare ad una modesta costruzione, assume i connotati di una sontuosa ed elegante residenza campestre. 

Le Masserie
Espressioni tipiche del paesaggio rurale, per il ruolo storico e come elemento significante d’architettura e trasformazione del territorio, sono le masserie. Etimologicamente il termine masseria (massaria nei documenti di archivio) assume in Italia meridionale un’accezione molto ampia, accomunando non di rado tutte le forme di insediamento rurale, dai modesti fabbricati appena provvisti di qualche recinto per gli animali, ai grandi complessi rustici. Rapportato al significato originale e al concetto di massa che, nel latino classico indica bloccoriunione, il termine trova riscontro soltanto in quelle strutture più ampie dell’habitat rurale facenti parte dell’insieme di fondi rustici comunemente affidati al governo di un massaro.
La masseria nasce, appunto, come insediamento di tipo padronale di organizzazione del latifondo ed ha all’origine una specifica valenza funzionale in relazione alle colture e alle attività storicamente dominanti nel territorio. Specificità che con la parcellizzazione della grande proprietà e l’introduzione di colture diversificate si è col tempo perduta attraverso vari adattamenti, che consentiranno l’inserimento di funzioni legate alle nuove esigenze. La massa compatta di tali edifici, in alcuni casi conservati nell’assetto originario, segna il paesaggio rurale della Cupa in maniera significativa, tanto più che la stessa funzione di controllo al centro del feudo le determina spesso un’ubicazione isolata e baricentrica nel territorio. 
L’esigenza di realizzare queste singolari architetture è databile al XVI secolo, contestualmente ai saccheggi e alle incursioni di cui la penisola salentina sarà oggetto: il piano di difesa del territorio voluto da Carlo V, determinerà la costruzione di strutture difensive sia lungo la costa che nell’entroterra mediante la realizzazione di torri e fortificazioni; da qui le origini della masseria fortificata che nella maggior parte dei casi si configura come torre-masseria assumendo in seguito connotazioni e organizzazioni più evolute in relazione a nuove esigenze produttive e alla fine delle incursioni.  
Dall’impianto recintato si passa alla corte chiusa, una tipologia certamente più rispondente alla struttura sociale della masseria, nel cui interno le varie attività agricole e familiari entrano in relazione. In questi impianti l’abitazione del massaro o del fittavolo si arricchisce di una serie di connotazioni che sono proprie dell’architettura urbana. L’edificio turriforme, posto normalmente al centro del prospetto, lascia a piano terra un vano carraio che mette in comunicazione la campagna con la corte e si configura, quindi, come un sottoportico(il cosiddetto sappuertu): un androne passante, comune negli edifici palazzati dell’architettura cittadina e presente soprattutto nelle dimore a corte di molti centri abitati. La simmetrica disposizione di altri vani a primo piano, quasi sempre di epoca successiva, definisce la tipica dimora rurale, dove l’edificio torre è sempre facilmente individuabile. 
È la tipica “masseria turrita” con un complesso edilizio caratterizzato sempre da un elemento più alto, la torre appunto, e, al piano superiore, l’abitazione del massaro o la dimora stagionale del proprietario. Una tipologia, questa, che segna il passaggio dalla torre-masseria alla masseria compatta, meglio conosciuta come masseria-casino, dove, l’androne passante che nella masseria tradizionale è soltanto un vano carraio che immette alla corte, assumerà in seguito la funzione di locale di accesso al giardino chiuso, all’abitazione del contadino e alla scala che conduce alla dimora stagionale del proprietario. È in questa fase di prosperità che si diffondono due elementi caratterizzanti il paesaggio rurale salentino: la torre colombaia e l’apiario. 

Beni di riferimento 

ARNESANO: casini Monaci e Spadà; ville Milo, Nuera, Paladini e Materdomini
MONTERONI: casino Corallo; ville Saetta e Cerulli Bozzicorso
SURBO: masserie Melcarne, Le Schiavelle
CAVALLINO: Masseria Nsarti
LIZZANELLO: Masseria Li Lei

rilevatore Ersilio Teifreto

 

Altri articoli

  • Luglio 17, 2024
    AFOM Mauriziano Sant’Antonio Abate nella mano sinistra tiene il libro con la regola dell’Ordine Antoniano?
  • Luglio 16, 2024
    La Fòcara 2017 Paolo Del Debbio L’Homo Novoliensis ha fatto la Fòcara una memoria che rivive e la sentite dentro di voi

Eventi e Feste

Eventi e Feste

Schede

Schede