Ottobre 17, 2017

Le mesce e le case te nna fiata nel Salento

Le mesce e le case te nna fiata nel Salento

 

 
 

 
 

 
 

 
 

 
 

 
 

 
 

 
 
 

 
 

 
 

 
 
 

 
 

 
 

 
 
 

 
 

 
 

 
 

 
 

 
 

 
 

 
 

 
 

domenica 16 agosto 2015

PROVERBI E DINTORNI – quandu sciucammu mmienzu lla via

 

 

LE MESCE 
Alli tiempi ca bbu cuntu ieu, le case te la ggente te campagna nu mberanu popriu comu a quiddhre te osce, beddhre, lucide e pulite, le case eranu fatte te cammere nfelate una rretu ll' autra, le cammere purtanu le lamie aute finca 5 metri e puru cchiui, e beranu fatte a stella cu llu leccisu .
La prima cammera era lu salottu addunca  se ricevianu li cristiani ca rrianu cu fazzanu visita, poi nceranu le cammere te liettu addunca se turmia, e poi la cucina cu lla taula mmienzu, ca servia pe mangiare e puru cu sse prepara la pasta e lu pane cu sse porta llu furnu a coscere, dopu la cucina ncera l' ortale ddu ncera puru la staddhra pe lu ciucciu e quarche tunu tenia puru le iaddhrine.
Quandu turnaa ccasa te la fatia, lu ciucciu sia passare mmienzu tutta la casa cu pozza scire intra la staddhra. 
Dopu mangiatu, subbra lla taula te la cuscina, se mentiamu li uagnunceddhri cu sse fazzanu li compiti; tandu lla scola nu scianu tutti, quantu pare ca se mparanu cu scrianu e cu fazzanu quarche cuntu e poi a sette o uett' anni ncignanu tutti a faticare.
L' arte te lu tata, ete menza mparata tisce lu pruerbiu, pe stu fattu tutti li siri se purtanu li fiji cu iddhri cu li mparanu li mestieri loru, ci a campagna, cinca lle putei .
Ma cce fascianu li uagnunceddhri prima cu ncignanu bbascianu a fatiare ?
La scola ncignaa a sei anni poi se putia puru continuare, ma prima te li sei anni, comu se passane le sciurnate ? li asili, ca osce se chiamanu scole materne, tandu nu sistianu ncora, tutti scianu bba faticanu, mamme, siri, nonni e li uagnunceddhri nu putianu certu rimanire ccasa suli o mmienzu lla via, pe stu fattu nceranu certe cristiane ca, pe picca sordi, li tenianu ccasa loru, eranu le mesce.

Le mesce eranu quasi sempre ecchie zzitelle o puru vidue o ecchie bizzoche, fimmine ca, quasi sempre, nu tenianu fiji loru, purtanu nnu tamantile niuru lengu finca nterra e nna cameseddhra janca, li capiddhri ttaccati a tuppu e n' aria aceta ca fascia mparuare li uagnunceddhri, tenianu pruru nnu bastone lengu cu nci lu sonanu ncapu alli uagnunceddhri ca sta fascianu li uastasigni e, quandu turnanu le mamme cu lli pijanu nu putianu mancu refiatare, senò se buscanu l' autre, osce invesce li siri ni bba scascianu la capu lli professori se picca, picca ritanu li fiji loru.
Li piccinni stianu ssettati subbra ccerte panchiteddhre curte, curte, ma le mesce, cu lli pozzanu bbitere tutti, stianu ssettate subbra lle segge ca eranu cchiù baute, le mesce cuntanu alli uagnunceddhri tanti cunti, ni mparano le preghiere, cu sse fazzanu lu segnu te la cruce e li piccinni ianu stare bueni e citti cu lle sentenu e cussine passanu le sciurnate te la nfanzia.
Quasi sempre, poi le mesce eranu puru mesce te ricamu e te cusere e ni mparanu ste arti alle caruseddhre percene sianu mparare cu sse fazzanu lu curretu pe quandu sianu spusare, percene tandu cu sse potenu spusare, ianu purtaru la tote e lu curretu nde fascia parte. 
Comu su cangiati li tiempi, osce sti fatti suntu sulamente r 

LE MAESTRE

Negli antichi tempi passati, le case dove abitavano i contadini, che risiedevano nei paesi, non erano esattamente come quelle odierne, belle, lucide pulite, le case erano formate da una serie di stanze infilate una dietro l' altra e per poter passare da una stanza in un' altra, bisognava attreversare tutte quelle che erano fra le due; le stanse, generalmente di base quadrata di m. 5 di lato, avevano soffitti alti anche fino a 5,20 m. ed erano fatti a stella, in pietra leccese.
La prima stanza era detinata ad accogliere ospiti ed amici visitatori, seguivano le stanze da letto e la cucina che aveva nel mezzo il tavolo che aveva diverse funzioni, vi si preparava il pale da far cuocere al forno, la pasta ( maccheroni, oercchiette,sagne ncannulate ) riuniva tutta la famiglia a pranzo, ma serviva anche perchè ci facessero i compiti di scuola i ragazzini; dalla cucina si accedeva ad un cortiletto dove plrte all' immancabile alberello di limoni, vi era anche la stalla dell' asinello ed un pollaio per le galline che fornivano carne ed uova.
Di ritorno dal lavoro nei campi, quindi, il capofamiglia attraversava tutta la casa con l' asinello per portarlo nella sua stalla.  
Dopo pranzo, i ragazzini, dovevano, come accennato, sedersi a tavola e fare i compiti; in quei tempi non tutti andavano a scuola, si iniziava a 6 anni e si imparavano giusto le prime nozioni basilari, leggere fare la firma e far di conto, poi, a 7 od 8 anni tutti al lavoro.
Recita un proverbio che l' arte del padre è già mezza imparata, forse per via del fatto che i fanciulli, a furia di ascoltarlo parlare del suo lavoro apprendono presto i primirudimenti del mestiere paterno, perciò quando arrivavano all' età giusta era abbastanza agevole che imparassero il mestiere del genitore.
Ma dalla nascita, fino a 6 anni, come passavano le giornate i fanciulli ?
In casa tutti lavoravano, nonni, genitori e fratelli più grandi, non esistevano peraltro le scuole materne, ed i fanciulli non potevano certo essere lasciati da soli in casa o per strada, erciò venivano affidaei alle cure di alcune donne che in cambio di pochi soldi badavano ai fanciulli, erano le mesce.
Le maestre erano generalmente delle anziane zitelle  o vedove od anche assidue frequentatrici delle chiese conosciute perciò come persone timorate di dio e dalla morale ineccepibile, senza figli propri, badavano a quelli degli altri, indossavano un lungo grembiule nero ed una camicetta bianca, i capelli raccolti in testa ed un' aria da zitella acida che incuteva soggezione nei bambini, avevano anche un lungo bastone che serviva a suonarle a quei bambini che erano disattenti o maleducati e, quando tornavano i genitori a prenderli, non potevano neppure protestare per averle prese, perchè altrimenti beccavano la seconda razione dai propri genitori, oggi invece se un' insegnante osa sgridare un alunno, quanto meno incorre nelle ore dei genitori che a volte arrivano persino a malmenare i poveri insegnanti; i bambini imparavano da queste maestre a recitare le preghiere, farsi il segno della croce, ma anche favole e così trascorrevano la propria infanzia.
Molto spesso le maestre erano anche insegnanti di ricamo e di cucito ed insegnavano queste arti alle ragazzine che per potersi sposare, dovevano sapersi approntare anche iul corredo nuziale che faceva parte della dote che portavano nella nuova famiglia che avrebbero formato.
Come sono cambiati i tempi, oggi queste cose sono solo lontani nostalgici ricordi.

 

Nessun commento:

Posta un commento

 

 

 

 

 
 

Altri articoli

  • Luglio 17, 2024
    AFOM Mauriziano Sant’Antonio Abate nella mano sinistra tiene il libro con la regola dell’Ordine Antoniano?
  • Luglio 16, 2024
    La Fòcara 2017 Paolo Del Debbio L’Homo Novoliensis ha fatto la Fòcara una memoria che rivive e la sentite dentro di voi

Eventi e Feste

Eventi e Feste

Schede

Schede