Ottobre 17, 2017

Il Sindaco di Taranta, comune capofila, ha siglato a Bruxelles lo scorso 17 dicembre, a nome delle Città delle Grotte abruzzesi, la cosiddetta ” EDEN Dichiarazione di Bruxelles “.

Il Sindaco di Taranta, comune capofila, ha siglato a Bruxelles lo scorso 17 dicembre, a nome delle Città delle Grotte abruzzesi, la cosiddetta ” EDEN Dichiarazione di Bruxelles “.

Le Città delle Grotte Abruzzo si aggiudicano la seconda posizione a livello nazionale del progetto europeo Eden

Il Sindaco di Taranta, comune capofila, ha siglato a Bruxelles lo scorso 17 dicembre, a nome delle Città delle Grotte abruzzesi, la cosiddetta ” EDEN Dichiarazione di Bruxelles “.

Entrando a far parte della rete EDEN, i comuni selezionati si impegnano a collaborare con altre destinazioni EDEN e garantire un costante scambio di informazioni, conoscenze ed esperienze in materia di sviluppo del turismo sostenibile .

La rete dei comuni di città delle grotte abruzzesi (Carsoli, Sante Marie, Cappadocia, Lama dei Peligni, San Valentino in Abruzzo Citeriore,  San Demetrio Ne’ Vestini, Taranta Peligna) è stata collocata al secondo posto tra le cinque destinazioni turistiche, una vincitrice e le successive quattro migliori classificate, e di conseguenza entrata a far parte della Rete Nazionale ed europea EDEN.

I Comuni Città delle Grotte d’Abruzzo saranno  inseriti in una campagna di comunicazione globale e il sindaco del Comune di Taranta ha partecipato alla iniziativa che si è tenuta a Bruxelles e successivamente saranno a Roma per la celebrazione nazionale.

Lo sviluppo di questo progetto è sostenuto dalla Commissione europea che ha lanciato il progetto nel 2006 e svolge tuttora un ruolo cruciale di coordinamento.

Con la firma della Dichiarazione di Bruxelles, sarà possibile praticare e raggiungere i seguenti obiettivi:

  •  migliorare la visibilità delle destinazioni turistiche europee di eccellenza, in particolare quelle meno conosciute,
  • contribuire a creare la consapevolezza della diversità e della qualità turistica europea,
  • aiutare  a combattere la stagionalità e a  riequilibrare i flussi turistici verso destinazioni non tradizionali,
  • premiare forme sostenibili di turismo,
  • creare una piattaforma per lo scambio di buone prassi a livello europeo,
  • promuovere la creazione di reti tra le destinazioni premiate che potrebbero convincere altre destinazioni ad adottare il modello di sviluppo del turismo sostenibile.

In occasione della cerimonia di Bruxelles, sono stati presi contatti con le diverse Direzioni della Commissione Europea, per avviare un percorso di partenariato con le Città delle Grotte d’Europa, attraverso il ricorso al programmi transfrontalieri e nell’ambito della Macroregione Adriatico-Ionica. Sul versante italiano di questa, sono presenti gran parte delle Città delle Grotte nazionali, dal Friuli Venezia Giulia alla Puglia.

  1.  
  2. Nome
  3. Email
  4. Leave This Field Empty
  5.  

Copyright

Note sul Copyright
© 2012 Associazione Nazionale Città delle Grotte.

    Altri articoli

    • Luglio 17, 2024
      AFOM Mauriziano Sant’Antonio Abate nella mano sinistra tiene il libro con la regola dell’Ordine Antoniano?
    • Luglio 16, 2024
      La Fòcara 2017 Paolo Del Debbio L’Homo Novoliensis ha fatto la Fòcara una memoria che rivive e la sentite dentro di voi

    Eventi e Feste

    Eventi e Feste

    Schede

    Schede