Ottobre 17, 2017

Il portale di Santantonioabate.info

Il portale di Santantonioabate.info

Sezione –> Studi e Ricerche[ Stampa la scheda ] [ Pagina precedente ]
Ersilio TEIFRETO. Il Masso erratico di Sant'Antonio di Ranverso.

[ ID: 302 ]

Scheda Associata:  0

Note: 

Il masso erratico riprodotto nell'immagine (Masso di S. Antonio di Ranverso), come tutti i massi erratici della zona, è stato abbandonato dal ghiacciaio che nel Pleistocene occupava la Valle di Susa (larghezza circa Km 3 e spessore da 500 a 600 metri).
Come tutti i ghiacciai anche questo ebbe periodi di maggior avanzamento ed altri di arretramento:
 – durante la glaciazione detta Mindel (circa 400000 – 300000 anni fa) il fronte del ghiacciaio raggiunse le odierne località di Druento, Pianezza, Grugliasco, Rivalta, Bruino,
 – durante la glaciazione detta Ris (circa 200000 – 120000 anni fa ) il fronte glaciale toccò Alpignano, Rivoli, Villarbasse, Trana.
 – durante la glaciazione detta Wurm (circa 75000 – 10000 anni fa) il ghiacciaio si ritirò per circa 3 o 4 chilometri,
 – nell'Olocene (da 10000 anni fa in poi) il ghiacciaio si ritirò ulteriormente per circa 45 chilometri.

Da quanto scritto escludo che il masso in oggetto sia stato depositato dal ghiacciaio nei periodi Mindel e Ris. Posso presupporre che l'evento sia successo durante la fase Wurm o nell'Olocene, visto il ritiro del fronte glaciale. Quindi il masso erratico in questione potrebbe essere stato lasciato in sito da 75000 a poco meno di 10000 anni fa.
Comprendo che il lasso temporale è alquanto ampio ma non oso azzardare datazioni più ristrette ma meno precise.
Si consideri altresì che anche questa datazione è frutto di ragionamenti legati al flusso glaciale di quell'epoca e non è, per quanto mi riguarda, confortata da nessun dato pratico.

Altri articoli

  • Giugno 23, 2024
    Svegliati San Giovanni e non dormire
  • Giugno 16, 2024
    Il simbolo Tau di Ranverso

Eventi e Feste

Eventi e Feste

Schede

Schede