Settembre 15, 2022

Il fuoco di Sant’Antonio o l’ergotismo in cancrena e la sua iconografia medievale.

Il fuoco di Sant’Antonio o l’ergotismo in cancrena e la sua iconografia medievale.

INFORMAZIONERiunione del 3 novembre 2009

Il fuoco di Sant’Antonio o l’ergotismo in cancrena e la sua iconografia medievale

PAROLE CHIAVE: ergotismo. acquaforte e incisioni. storia medica. farmacopeeIl fuoco di Antonio (ergotismo cancrenoso) e l’iconografia medievalePAROLE CHIAVE: incisione e incisioni. ergotismo. storia della medicina. farmacopee

Jacques Battin

riassunto

Per secoli, la medicina è stata impotente di fronte a flagelli epidemici, come la malattia che brucia. Si ricorreva solo ai santi intercessori per soccorrere i malati abbandonati dai medici. Sant’Antonio, l’eremita del deserto egiziano, fondatore del monachesimo orientale, perché aveva resistito al fuoco delle tentazioni, fu scelto come patrono dell’Ordine Ospedaliero degli Antonini, veri precursori della Pubblica Assistenza tra il XII e il XVIII. A questo santo taumaturgo ricorrevano i malati colpiti dal fuoco di sant’Antonio, che uccisero in cancrena delle estremità o trasformarono in corpi smembrati, detti anche smembrati. Questo flagello era legato all’effetto vasocostrittore ischemico della segale cornuta, che contaminava la farina, soprattutto nei periodi di scarsità. La rimozione del pane di segale cornuta, eliminando la causa di questa intossicazione, assicurò a lungo la reputazione degli Antonini. L’ergotismo era così temuto da dare origine a numerose xilografie nei paesi germanici e rappresentazioni pittoriche di cui sono tante testimonianze suggestive.

Riepilogo

L’ergotismo era conosciuto come Fuoco Sacro o Fuoco di Sant’Antonio nel Medioevo, a causa delle sensazioni di bruciore e della cancrena degli arti che comportava. Era un disturbo frequente, causato dal consumo di farina di segale contaminata dal fungo Claviceps purpurea. L’Ospitale Ordine di Sant’Antonio fu fondato vicino a Vienne in Francia e nel 1777 contava 400 stabilimenti in Europa. L’ergotismo è oggetto di un’abbondante iconografia, tra cui statue e dipinti. Le xilografie mostrano le tentazioni di Sant’Antonio, con scene strane e diaboliche, e individui con arti in cancrena. Le xilografie germaniche del XV secolo mostrano vari stadi di ergotismo e mani e piedi. I trittici di Bosch e Grunewald testimoniano la frequenza e la gravità di questo disturbo, all’inizio del XVI secolo.

La malattia bruciante causata dall’uso del pane di segale della segale cornuta è stata una delle innumerevoli piaghe epidemiche che hanno diffuso il terrore e hanno indotto le persone a cercare protezione soprannaturale ignorando la loro eziologia. Tra gli innumerevoli santi intercessori – ve ne furono alcuni per tutte le malattie, alcuni generalisti, altri specializzati – l’eremita sant’Antonio, fondatore del monachesimo orientale, fu scelto come patrono dell’Ordine Ospedaliero degli Antonini, perché aveva resistito al fuoco tentazioni. Il ragionamento analogico era consueto in quei tempi intrisi di misticismo e simbolismo. Dal 12° al 18° secolo, questo ordine si occupò di égrotants paralizzati da ischemia cancrena. Ne derivò un’abbondante iconografia, anonime incisioni germaniche e famosi trittici, come quelli di J. Bosch e M.

Bruciore o fuoco di Sant’Antonio

Dopo la breve rinascita carolingia, l’Occidente ricadde nel caos. Le piaghe si susseguirono. Oltre alle invasioni, alle guerre e alla scarsità di cibo, c’erano ogni sorta di “piaghe” epidemiche che seminavano desolazione. Non sorprende che in questo periodo drammatico, intorno all’anno Mille, si credesse alla fine del mondo, all’ira del Cielo, soprattutto quando una calamità fino ad allora sconosciuta, l’ignis sacer. Questo vecchio termine era già contestato da Ippocrate a proposito dell’epilessia, perché, per lui, le malattie avevano solo cause naturali, che potevano essere studiate e comprese dall’osservazione. L’ ignis sacer era anche chiamato plaga ignis divini , ignis infernali e anche ignis giudiziariis,termini che indicano il peso della colpa che circonda questa malattia, interpretata come molte altre nell’ignoranza delle loro cause, come punizione divina per un’oscura colpa. Eterno ritorno del peccato originale, che ha distillato il suo veleno di generazione in generazione.

I cronisti medievali, per lo più religiosi, come Flodoart, Raoul Glaber, Adhémar de Chabannes, Sigebert de Gembloux, Aymar Falco hanno fornito descrizioni concordanti di questa piaga del fuoco che ha consumato corpi e arti cancrenosi distaccati dopo un dolore intollerabile. Tutte le regioni sono state colpite, Ile-de-France, Lorena, Limosino, Aquitania durante le epidemie che hanno causato decine di migliaia di morti e storpi. La Vergine, che è sempre stata considerata la mediatrice più potente, fu invocata fin dall’inizio, così come i santi locali, Saint Geneviève, Saint-Martial, Saint Hilaire. Ma, in questa gara, fu sant’Antonio l’Egiziano (251-356), che vinse, essendo appena arrivate le sue reliquie nel Delfinato. Questo padre del deserto ci è noto grazie al suo discepolo, Atanasio, patriarca copto di Alessandria, la chiesa copta, etimologicamente egiziana, essendo la prima chiesa cristiana. È più un’agiografia [1] che una biografia, per esortare i monaci a somigliare al fondatore del monachesimo ea resistere, come lui, al fuoco delle tentazioni che non mancano di assalire l’asceta. Ripresa nel XIII secolo dal vescovo genovese Jacques de Voragine nella Legenda aurea [2], compendio di tutte le storie agiografiche, la testimonianza di Atanasio ebbe un’influenza duratura su teologi e artisti, che ne attinsero fino ai giorni nostri. un’iconologia del bene e del male.

L’Ordine Ospedaliero degli Antonini

In principio si formò una confraternita per curare gli slurp che accorrevano da tutte le parti per mettersi sotto la protezione di sant’Antonio. Sembrava preferibile cercare la guarigione dall’Onnipotente irato attraverso uno stimato intermediario che sapesse implorare il perdono e la guarigione. L’avvocato del mondo profano è in questo caso un santo intercessore. Ben presto sorse un conflitto di interessi tra il piccolo priorato del Delfinato a guardia delle reliquie e straripante di malati, mentre le risorse affluivano alla potente abbazia benedettina di Montmajour, che, da Arles, controllava la Provenza e il Delfinato. Nel 1247 papa Innocenzo IV creò l’Ordine Ospedaliero degli Antonini, o Antoniti in Germania, secondo la regola dei Canonici di sant’Agostino e nel 1297 Bonifacio VIII lo rese autonomo, dipendente solo dalla Santa Sede. Il priorato divenne capo dell’abbazia dell’ordine a Saint-Antoine-en-Viennois, vicino a Lione, con un abate eletto e un ospedale con duecento posti letto. I fondi arrivarono poi all’ente caritativo grazie a raccolte esclusive intestate a Sant’Antonio ea sovvenzioni dei Papi di Roma e di Avignone, dei Delfini e Re di Francia, e dei Sacri Romani Imperatori. Massimiliano aveva addirittura concesso loro lo stemma dell’aquila bicipite che sorregge il tau che simboleggia la stampella dei brontoloni. L’istituzione dei porci di Sant’Antonio, nutriti secondo le peregrinazioni nei comuni, portava carne e balsamo per i malati, fino alla loro abolizione nel XVI secolo per motivi igienici. I fondi arrivarono poi all’ente caritativo grazie a raccolte esclusive intestate a Sant’Antonio ea sovvenzioni dei Papi di Roma e di Avignone, dei Delfini e Re di Francia, e dei Sacri Romani Imperatori. Massimiliano aveva addirittura concesso loro lo stemma dell’aquila bicipite che sorregge il tau che simboleggia la stampella dei brontoloni. L’istituzione dei porci di Sant’Antonio, nutriti secondo le peregrinazioni nei comuni, portava carne e balsamo per i malati, fino alla loro abolizione nel XVI secolo per motivi igienici. I fondi arrivarono poi all’ente caritativo grazie a raccolte esclusive intestate a Sant’Antonio ea sovvenzioni dei Papi di Roma e di Avignone, dei Delfini e Re di Francia, e dei Sacri Romani Imperatori. Massimiliano aveva addirittura concesso loro lo stemma dell’aquila bicipite che sorregge il tau che simboleggia la stampella dei brontoloni. L’istituzione dei porci di Sant’Antonio, nutriti secondo le peregrinazioni nei comuni, portava carne e balsamo per i malati, fino alla loro abolizione nel XVI secolo per motivi igienici.

Al momento della sua maggiore influenza, l’ordine aveva quarantuno commenda generali, duecento precettori e quattrocento ospedali nell’Europa medievale, compreso il Mediterraneo orientale e il Medio Oriente [3]. Il maggior numero si ebbe al seguito dell’abbazia madre nella valle del Rodano, in Alsazia, in Lorena e lungo la costa atlantica sui cammini di Santiago de Compostela (fig. 1) . Sembra esserci stata una correlazione tra la distribuzione degli ospedali Antonini e l’incidenza delle epidemie di ergotismo.

A testimoniare ancora di questa passata grandezza l’abbazia dell’ordine nel Delfinato circondata dal suo borgo medievale e dalla sua controparte, d’oltralpe, la precettoria di Sant-Antonio-di-Ranverso, nei pressi di Torino, i due monumenti che conservano e affreschi del XV secolo di grande interesse. Puoi aggiungere il polittico

Figura. 1. — Precettori e ospedali degli Antonini nell’Europa medievale (da Mischlewski) commissionati a Mathias Grünewald per la precettoria di Issenheim, questo monumento d’arte, datato 1510, è oggi conservato nel museo Colmar in Alsazia.

Abbiamo un elenco dei quindici grandi maestri dal 1100 al 1297 e dei trentacinque abati successivi, quasi tutti francesi, fino allo scioglimento dell’ordine nel 1776. La descrizione più completa della gestione degli égrotants è stata fatta nel 1200 da il certosino Hugues Vescovo di Lincoln, quando si fermò a Saint-Antoine-en-Viennois sulla strada per la Grande Chartreuse [4]. Allo stesso modo ci sono pervenuti gli statuti degli ospedali Antonini [5]. Riservato esclusivamente ai mali degli ardenti, anche durante il periodo delle sequele, si faceva l’obbligo di smascherare ogni inganno e durante le epidemie vi era una distribuzione dei malati secondo disponibilità nei vari ospedali dell’ordine. Il declino è venuto con risorse in diminuzione ed epidemie di ergotismo, a seguito di amigliore drenaggio del terreno evitando lo sviluppo della segale cornuta. La relazione tra il mal des ardents e l’ergot di segale, attenderà fino al XVII secolo per essere incriminata in connessione con la cancrena dei Solognots e provata sperimentalmente dall’abate Teissier e de Jussieu tra il 1770 e il 1780. Il fungo parassita dei cereali sarà sarà chiamato Claviceps purpurea e i suoi numerosi alcaloidi saranno isolati e usati terapeuticamente a partire dal 20° secolo.

L’iconografia dell’ergotismo

La cancrena ischemica richiedeva spesso l’amputazione. Nel loro bellissimo lavoro sulla storia della chirurgia a Strasburgo, Louis ed Emmanuelle Hollender hanno mostrato come la corporazione di Wundärzte, medici delle ferite, avesse formato un corpo d’élite a partire dal XII secolo. Ignoranti del latino, esprimendosi nella lingua volgare germanica, furono così protetti dal dogmatismo scolastico che regnava così a lungo nei paesi latini, che consentiva loro di favorire l’osservazione e l’esperienza diretta [6]. Tra questi, Hans von Gersdorff, nato intorno al 1450 vicino a Wissembourg nella Bassa Alsazia e morto nel 1522, aveva acquisito una solida esperienza sui campi di battaglia tra le truppe di Strasburgo contrarie a Carlo il Temerario. Ci interessa qui perché pubblicò nel 1517 con Schott a Strasburgo il suoFeldtbuch der Wundtartzney, Manuale militare delle ferite di guerra. Quest’opera ebbe un grande successo, perché fu ripubblicata quattro volte tra il 1524 e il 1540 a Strasburgo, tradotta in latino nel 1542, pubblicata a Francoforte nel 1551 e tre volte in olandese nel 1593, 1622 e 1651. Questo è il luogo da ricordare che Gutemberg visse a Strasburgo dal 1434 al 1444, il che spiega l’ascesa della stampa in questa città libera e fiorente che fu una delle prime ad emergere dal Medioevo. Hans von Gersdorff era il chirurgo dell’Ospedale Antonino di Strasburgo, dove solo i laici potevano eseguire operazioni sanguinose, il Concilio Lateranense IV, nel 1215, avendole proibite ai chierici.

Il Feldtbuch contiene ventitré incisioni, una delle quali rappresenta una panoplia di strumenti, un’altra un’amputazione di una gamba. Il paziente essendo seduto, un assistente rimuove la pelle dietro, la fissa e mette più volte un laccio emostatico, quindi l’osso viene tagliato con una sega e non con un’ascia, infine l’assistente sbatte i muscoli e la pelle per coprire l’osso. Sullo sfondo, un égrotant con una benda alla mano sinistra, indossa la tau des Antonins sul suo cappotto (fig. 2). Questa cosiddetta incisione a serratura, vale a dire segare, è la prima immagine conosciuta di un’amputazione, di cui Hans von Gersdorff dice di aver fatto più di cento all’ospedale Antonine di Strasburgo, che dipendeva da Issenheim.

Il Feldtbuch comprende anche una xilografia che ha il pregio di associare il santo patrono degli Antonini ai suoi attributi simbolici permettendogli di essere immediatamente identificato (il tau, la campana o le campane per chiamare le missioni, il regolamento, il maiale antonine e il fuoco ) e una vittima di un incendio che alza la mano sinistra in un gesto di supplica. La verità clinica è sacrificata al significato simbolico, poiché il paziente è raffigurato con una disabilità, la gamba destra appoggiata su un pestello, per

Figura. 2. — Amputazione della gamba all’ospedale Antonin di Strasburgo. Xilografia dal Feldtbuch di Hans von Gersdorff, 1517.

Figura. 3. — Sant’Antonio implorato da un malato che soffre di una malattia bruciante. Xilografia dal Feldtbuch di Hans von Gersdorff, 1517.

lasciare camminare, la mano destra usando il tau, che corrisponde alla fase delle sequele invalidanti, mentre dalla mano sinistra salgono fiamme, a rappresentare il male del rogo al suo inizio (fig. 3).

Le incisioni germaniche anonime del XV secolo mostrano immagini simili. In quella di figura 4, il maestro del fuoco è circondato da due égrotants dalle mani “infuocate”, mentre due diavoli pelosi bussano alle finestre, a ricordo delle tentazioni subite dall’asceta. Ancora più suggestiva è la figura 5, datata 1450, con mani e piedi sospesi in “ ex voto anatomico ”, un’antica usanza ancora in uso per rendere grazie per la guarigione, anche a costo dell’infermità. Un affresco lorenese di Sillegny mostra anche il ruolo di sant’Antonio come intercessore.

Tra i tanti dipinti su questo tema e conservati nei musei, ricordiamo in particolare il famoso trittico di Hieronymus Bosch datato 1500-1505, Le tentazioni di Sant’Antoniodel Museo di Arte Antica di Lisbona, di cui esistono una dozzina di repliche. Saint-Antoine vi è rappresentato quattro volte. Il santo inginocchiato al centro del riquadro centrale ci guarda con serenità dopo le prove che ha subito, levitazione e caduta nel riquadro sinistro e tentazioni nel riquadro destro. Riconosciamo due égrotant sul pannello centrale. Uno di loro in piedi appoggia l’arto amputato su un pestello, mentre l’uomo sdraiato, in cilindro e mantello rosso, guarda un piede staccato (il suo piede?) dove l’osso è nudo. Alcuni esegeti di Bosch [7] – e il suo ermetismo ha suscitato molti – credevano di aver visto un mago con il suo bastone, mentre il piede staccato dalla cancrena appoggiato su un telo e la stampella a forma di tau sono un’evidente allusione all’ergotismo.

La conferma che questo pittore conosceva le conseguenze del male dell’incendio è fornita dal suo trittico del Giudizio Universale di Vienna. Sulla persiana destra chiusa a grisaille, in fondo a San Bavone, un égrotant guarda nuovamente il suo piede staccato appoggiato su un telo. Possiamo anche supporre che Bosch avrebbe usato l’acido dlysergico, un alcaloide allucinatorio della segale cornuta, per concepire un tale delirio di forme nel suo universo pittorico?

Gli Antonini avevano rimedi specifici?

Oltre al pane privo dell’agente tossico e del santo Vinage, gli ospedali Antonini avevano la teriaca, di cui uno dei maggiori componenti, l’oppio, aveva virtù antalgica. Sappiamo anche che i monasteri dovevano mantenere un orto, con un erborista che fungeva da speziale. L’uso delle piante medicinali risale ai Sumeri, all’antico Egitto e al Corpus Ippocratico. La materia medicadi Dioscoride, codificato da Galeno e arricchito del contributo di lingua araba, in particolare andalusa, utilizzava le piante secondo la teoria degli opposti e degli umori. I chierici interpretavano le virtù delle piante secondo un ragionamento analogico, come segno della Provvidenza che metteva le risorse vegetali a disposizione dell’uomo. Il giardino medicinale divenne mistico, le fragranze parteciparono a questa mistica, come l’odore della santità che rivela i corpi santi [8, 9]. Gli Antonini distinguevano il fuoco ardente dal fuoco gelido, che

Figura. 4. — Sant’Antonio, égrotants ed ex voto. Xilografia, 1450 (armadietto delle stampe, Monaco di Baviera).

Figura. 5. — Sant’Antonio, égrotants ed ex voto. Xilografia, 1450 (armadietto delle stampe, Monaco di Baviera).

ultime corrispondenti alle parti insensibili, pronte a staccarsi sotto l’effetto dell’ischemia. Le cosiddette erbe piccanti come l’ortica e la senape venivano utilizzate in attrito nei fuochi di ghiaccio, per provocare la vasodilatazione e la ripresa della circolazione; al contrario le erbe fredde, rosa, violacee, si opponevano alle pene del fuoco ardente iniziale. Questo ragionamento sembra fondato in quanto ai derivati ​​dell’ergot è stata riconosciuta un’azione vasoattiva. Queste piante sono state usate in unguento o per os e le loro formule segrete sono state trovate da

E. Clementz [10].

In molti dipinti legati all’iconografia antonina [11] il santo taumaturgo è associato ad un erbario medicinale. Il più rappresentativo è dovuto a Mathias Grünewald, che nel 1510 dipinse la sua famosa pala d’altare, su richiesta di Guy Guers, tutore Antonin di Issenheim. Di fronte alla pala d’altare scolpita di Nicolas de Haguenau al centro della quale sant’Antonio siede in trono come abate, quella di Grünewald, capolavoro della pittura universale, è il gioiello del museo Unterlinden di Colmar. Composto da otto pannelli aperti secondo le feste liturgiche, quello dell’incontro dei due eremiti, tema spesso ripreso dagli artisti, è paradigma di erbario terapeutico. Paolo di Tebe è vestito con una tunica di foglie di palma intrecciate, come indicato da J. de Voragine [2], mentre Antoine è vestito sontuosamente, non da eremita, ma come dignitario dell’ordine di cui è patrono. L’intera scena emana un’impressione di serenità accentuata dalla presenza del cervo che riposa ai piedi dei due eremiti, in un simbolismo del paradiso. Il paesaggio evoca più la foresta dei Vosgi che il deserto egiziano evocato dalla palma. L’uccello che porta il pane, in un simbolismo eucaristico di pane condiviso proveniente dal cielo, assomiglia più a un gallo cedrone che a un corvo. Nella parte inferiore del pannello sono rappresentati lo stemma dello sponsor Antonino e quattordici piante officinali tra cui il fichi d’acqua detto anche Il paesaggio evoca più la foresta dei Vosgi che il deserto egiziano evocato dalla palma. L’uccello che porta il pane, in un simbolismo eucaristico di pane condiviso proveniente dal cielo, assomiglia più a un gallo cedrone che a un corvo. Nella parte inferiore del pannello sono rappresentati lo stemma dello sponsor Antonino e quattordici piante officinali tra cui il fichi d’acqua detto anche Il paesaggio evoca più la foresta dei Vosgi che il deserto egiziano evocato dalla palma. L’uccello che porta il pane, in un simbolismo eucaristico di pane condiviso proveniente dal cielo, assomiglia più a un gallo cedrone che a un corvo. Nella parte inferiore del pannello sono rappresentati lo stemma dello sponsor Antonino e quattordici piante officinali tra cui il fichi d’acqua detto ancheerba di Sant’Antonio. Un papavero , papaver dubium, cresce vicino a Paolo l’Eremita; accanto a Sant’Antonio è visibile la prunella, prunella vulgaris, il cui antico nome in alsaziano è sankt Antonikrüt . Tutte le piante medicinali rappresentate da Grünewald sono diffuse in Alsazia e nella parte bassa dei Vosgi.

CONCLUSIONE

Nella ricerca dei significanti, ciò che si nasconde sotto il visibile presentato dall’arte, si incontrano discipline tanto diverse quanto la storia della medicina, la teologia storica e la storia delle mentalità dette anche psicosociologia storica, in un legame che permette di cogliere le costanti della angoscia umana qualunque siano i tempi e le interpretazioni. Non sorprende che la salute, il nostro bene più prezioso, offra la più ampia gamma di problemi. La segale cornuta è una preziosa pianta medicinale. La sua storia è esemplare della metodologia da seguire in farmacologia, il mondo vegetale offre altri esempi.molte virtù a determinate dosi e tossicità a dosaggio incontrollato (digitale, papavero, pervinca, colchicum, ecc.).

BIBLIOGRAFIA [1] Sant’Atanasio. — Vita di Antoine, introduzione, traduzione dal greco, note, indice di GJM

Bartelink . Fonti cristiane, n° 400, ed. du Cerf, Parigi, 1994.

[2] Voragine J. de. — La leggenda d’oro , Garnier, Flammarion, Parigi ed. volumi 1 e 2, 1967.

[3] Mischlewski A. — Un Ordine Ospedaliero nel Medioevo, i Canonici Regolari di SaintAntoine-en-Viennois . Grenoble University Press, 1995.

[4] Magna Vita Sancti Hugonis Lincolniensis. — Lib.V, cap. XIII-XIV, ed e trad. Inglese di Decima L. Douie e Hugh Farmer . Nelson ed. Londra, 1901-1902, ripr. 1985.

[5] Darodes G. — Statuti dell’ospedale degli smembrati di Saint-Antoine. Raccolta di testi latini stranieri scelti e tradotti sull’ospedale di Saint-Antoine dal sec

XII al XV secolo. ed. Guirimand,

Grenoble, 1991 .

[6] Hollender L., Durante-Hollender E. — Chirurghi e chirurgia a Strasburgo . Strasburgo, ed. COPRUR, 2000 .

[7] Friedlander M., Cinotti M. — Tutte le opere dipinte di J. Bosch. Parigi, Flammarion, 1967 .

[8] Dilleman G. — “La farmacopea nel medioevo”

Giornale di storia della farmacia. I. Opere”, 1968 , 199 , 163-170 — “Medicina” 1969, 200, 235-243.

[9] Beck B. — “Giardino monastico, giardino mistico. Ordine e significato dei giardini monastici medievali ” Revue Histoire de la Pharmacie, 2000, I, 87 , 377-394.

[10] Clementz E. — Gli Antonini di Issenheim. Ascesa e deriva di una vocazione ospedaliera alla luce del temporale. Tesi di storia, Besançon, 1995 ed ed. soc. sav. Alsazia, Strasburgo, 1998.

[11] Battin J. — Il fuoco di Sant’Antonio o ergotismo in cancrena e l’iconografia antonina, dalle origini ai giorni nostri. Tesi di dottorato in Storia dell’arte, Université Michel de Montaigne — Bordeaux III, 2006, 325 p., 324 fig., e tra Medicina e Religione, volume illustrato, Glyphe, Parigi, 2010.

Altri articoli

  • Luglio 13, 2024
    Restauri e tutela dei beni che fanno la storia dei monaci Antoniani di Ranverso
  • Luglio 11, 2024
    Il campanello di Sant’Antonio Abate inciso sulla stele in granito di Ranverso.

Eventi e Feste

Eventi e Feste

Schede

Schede