Settembre 28, 2022

Gli ex conventi di Lione/03. degli ANTONINI.

Gli ex conventi di Lione/03. degli ANTONINI.

Gioca il tuo punteggio! Partecipa a un concorso aperto per trovare il suono di tutta la conoscenza umana – un logo valido per tutti i progetti Wikimedia.Entra ora

Aiutaci a tradurre! ][ 

chiudi ]

Scaricare

Gli ex conventi di Lione/03. Antonini

Gli ex conventi di Lione

Vai alla navigazioneVai alla ricerca

Adolfo Vachet

Gli ex conventi di Lione

Emanuele Vitte , 

1895( 

pag. 59 – 

70 ).

◄   L’Annunciazione

I Grandi Agostiniani   ►

Gli Antonini

Gli ex conventi di Lione - 059 - Armes Antonins.jpg

GLI ANTONINI



LIl cronista Flodoard segnalava, nel 945, la presenza di un flagello che il popolo chiamava con vari nomi: male dell’inferno, fuoco sacro, male degli ardenti, fuoco Saint-Antoine. Non siamo mai stati veramente in grado di determinare la natura di questo affetto: gli sventurati che ne furono colpiti si sentivano divorati da un fuoco interiore; il membro aggredito diventava secco e nero come se fosse stato bruciato, a volte cadeva in putrefazione, e questo supplizio si concludeva con la morte. Questo flagello era più diffuso durante l’XI e il XII secolo. Nel 1129, dice Mézerai, fece quattordicimila vittime a Parigi.

Tuttavia, viveva, a quel tempo, un signore del Delfinato, di nome Gaston; aveva un solo figlio che si ammalò gravemente. Dopo aver fatto ricorso invano a tutti i rimedi umani, si volse al cielo. Si recò in pellegrinaggio a Saint-Didier-la-Mothe, una cittadina del Delfinato, dove la gente accorreva per venerare il corpo del patriarca sant’Antonio, portato lì da Costantinopoli nel 1050 da Jocelin, alto e potente signore diquesto paese, e discendente dei conti di Poitiers. Là, messer Gaston pregò umilmente il santo patriarca di essere tanto buono da ottenere da Dio la salute di suo figlio, e gli promise che, se avesse ricevuto questa grazia, si sarebbero entrambi consacrati, con i loro beni, a sollievo del malati assaliti dal fuoco sacro, e davano ospitalità ai pellegrini che venivano da ogni parte.

Sant’Antonio apparve in sogno a questo padre desolato, gli assicurò la guarigione del figlio, gli chiese di adempiere alla sua promessa, aggiungendo che lui e la sua famiglia si dovessero segnare con una tau (Τ) di colore celeste. .

Ritornato alla sua villa, Gaston trovò suo figlio fuori pericolo, e i due, senza ulteriore ritardo di quello necessario per mettere in ordine i loro affari, si recarono nella città di Saint-Didier-la-Mothe dove, dedicandosi i loro beni e le loro persone al servizio dei poveri, costruirono un ospedale vicino alla chiesa dedicata a Sant’Antonio. Fu il 28 giugno 1095 che Gaston e suo figlio Guérin, per mantenere la loro promessa, lasciarono i loro abiti mondani per indossare umili abiti neri contrassegnati da una tau blu, e che indossavano smaltati alla maniera dei cavalieri , costume che rimase quello dei membri dell’ordine. Presto si unirono a loro altre sei persone, che Aymar Falcon, che ha fatto la storia di questo ordine, espresse da questo distico:

Gastonis voto, Societatis Fratribus octo
Ordo est hic cœptus, ad pietatis opus.

Al Concilio di Clermont (1095), Urbano II approvò questa santa società e le concesse ottimi privilegi. Questi fratelli religiosi furono chiamati, e gran maestro il capo o superiore al quale obbedivano: Gaston fu il primo elevato a questa dignità che esercitò fino alla sua morte, avvenuta nell’anno 1120.Poco dopo sorse un conflitto tra gli Antonini ei Benedettini di Montmaïeur, che avevano in custodia la chiesa dedicata a Sant’Antonio e iniziata da Joscelin. Guy-Didier, suo erede, fece rimuovere dalla chiesa il corpo del santo patriarca.

canonico regolare di sant’antoino
abito cittadino

e lo portava con sé ovunque andasse, principalmente in guerra. Questa condotta riprovevole fu accusata da Urbano II, di passaggio per Delfinato; in virtù della sua autorità apostolica, gli comandò di rispettare maggiormente tali sante reliquie, facendogli capire che non dovevano essere nelle mani dei secolari. Guy-Didier, obbediente, completò la chiesa iniziata dal suo parente, vi depose il venerato corpo di sant’Antonio, di cui mantenne la custodia per sé e per i suoi successori, e, per svolgere il servizio divino, vi stabilì benedettini dell’abbazia di Montmaïeur .

Ora gli Antonini, non avendo una chiesa particolare dove poter fare i loro esercizi di pietà, vollero costruirne una. I benedettini si opposero; quindi processo davanti a Humbert, arcivescovo di Vienne, che giudicò a favore degli Ospitalieri. La chiesa fu edificata (1208).

Nel 1218 ottennero da papa Onorio III il permesso di emettere i tre voti religiosi; fino ad allora erano vissuti senza essere vincolati da alcun voto.

La vicinanza dei Benedettini e degli Antonini, si può facilmente immaginare, fu perenne motivo di conflitto. Per porvi fine, papa Bonifacio VIII, nel 1297, fece un atto energico.Aymon de Montagny, diciassettesimo gran maestro e primo abate dei canonici regolari, dopo aver acquistato la signoria di Saint-Antoine, il papa concesse la chiesa di Saint-Antoine ai fratelli dell’Ospedale, con tutti i suoi diritti e tutte le sue giurisdizioni, senza i benedettini non potendo mai sollevare alcuna pretesa. Ordinò che i frati vivessero sotto il governo di sant’Agostino, che fossero chiamati canonici regolari, che il superiore assumesse la qualità di abate, che l’abbazia fosse a capo di tutto l’ordine e interamente soggetta alla Santa Sede. .

Questo ordine è stato tenuto in grande considerazione. Nel 1306 il Delfino di Viennois, con il consenso di tutta la nobiltà, concesse all’abate la sessione negli Stati del Delfinato subito dopo il vescovo di Grenoble, e il diritto di presiedervi in ​​assenza di questo prelato.

L’imperatore Massimiliano I , in segno della sua considerazione per l’ordine, gli diede come armi, nel 1502, quelle dell’Impero, un’aquila mostrata di zibellino, becco, membro e diadema rosso, timbrata con una tiara imperiale Or, e sul ventre uno stemma O ad un tau azzurro.

I grandi e potenti di questo mondo, come le folle popolari, si recavano nell’Abbazia di Saint-Antoine per venerare il corpo del santo patriarca. Aymar Falcon disse che in un solo anno aveva visto più di diecimila italiani, e tanti tedeschi e ungheresi che sembravano piccoli eserciti.

Oltre ai diversi vescovi che questo ordine ha fornito alla Chiesa, vanno citati i cardinali Jean Trivulce e François de Tournon, nonché padre Bourel, uno dei grandi matematici del Cinquecento.

Quanto alle osservanze, consistevano nell’astinenza il mercoledì, nei digiuni in chiesa, nell’Avvento e in alcune veglie. Il generale era perpetuo; ogni tre anni si teneva il Capitolo Generale e vi venivano eletti i Superiori delle Case, la maggior parte dei quali aveva il titolo di Comandante.

Dopo queste nozioni generali, dobbiamo chiederci a che ora giunsero a Lione gli Antonini. In molti autori leggiamo: Nel 1279, Aimar de Roussillon, arcivescovo di Lione, chiamògli Antonini al servizio dell’ospedale Saint-André. Questa data è infatti quella della donazione. Se ci atteniamo alla storia di Aymar Falcon, potremmo sospettarlo perché ecco cosa dice: Nec multo post, per reverendum patrem dominium archiepiscopum capitulumque Ecclesiæ lugdunensis, sincerâ devotione motos, huic religioni facta fuit donatio domûs hospitalis sancti Andreæ Lugdunensis, quæ ex tune in præcentoriam sancti Antonii erecta fut atque instituta . Poco dopo, l’Arcivescovo e il Capitolo della Chiesa di Lione, guidati da franca pietà, donarono l’ospedale Saint-André, che da allora è diventato un controllo dell’ordine. — Queste righe non parlano dell’arrivo a Lione degli Antonin, annotano la donazione e niente di più. D’altra parte, devi sapere cosa significano queste parole:nessun post multiplo . Avvicinandoli al contesto, vediamo che si riferiscono all’elezione di Aymon de Montagny, diciassettesimo superiore generale e primo abate dei canonici regolari di Saint-Antoine. Falcon, che segue l’ordine cronologico, ci racconta che nel 1273 morì il generale Guillaume Roux. Il suo successore rimase Gran Maestro solo per pochi giorni e si dimise dal suo incarico. Si tennero nuove elezioni e si chiamarono Aymon de Montagny. Pochi giorni dopo la sua elezione, riceve una donazione. Ecco quando arriva il testo del post non multiplo. Quindi dovrebbe essere nel 1273 che questa donazione doveva aver luogo. E Falcon, che continua la sua storia, parla nella riga successiva dell’anno 1276. Quindi al più tardi si potrebbe portare la donazione dell’arcivescovo al 1275. Ma Falcon non è esatto su questo punto, perché d’ altra 1 aprile 1279.

Ma, ripeto, questo testo non ci autorizza a dire, come è stato fatto, che gli Antonini furono chiamati a Lione in questa data. In effetti, erano già lì. Ecco quanto si legge nell’Almanach de Lyon del 1763: La commenda dei canonici regolari dell’ordine di Saint-Antoine è antichissima. Non possiamo assegnare la data precisa della sua fondazione: ma è certo che esisteva prima dell’anno 1228. Conserviamo nei suoi archivi un atto del27 novembre di quello stesso anno, che ne parla come di un istituto già formato; possiede anche molti altri titoli e documenti degli anni immediatamente successivi, ed in particolare una bolla di papa Innocenzo IV, data durante il suo soggiorno a Lione, il sesto delle Idi, cioè l’8 gennaio dell’anno 1246 , con la quale concede diversi privilegi a questo commenda, e lo conferma in possesso dei beni che aveva fino ad allora acquisito, tra gli altri il diritto di cartello o ventunesimo che ha percepito sui chicchi che sono stati venduti al melograno. La donazione che Aimar de Roussillon, arcivescovo di Lione, fece all’ordine di Saint-Antoine, dell’ospedale di Saint-André, nel 1279, non è quindi il titolo primordiale della fondazione di questa commenda, poiché riconosce, da diversi atti pubblici ben prima di questa donazione,

Così gli Antonini si stabilirono a Lione almeno all’inizio del XIII secolo. Non sappiamo dove si stabilirono per la prima volta. Nel 1246 Guichard de Condrieu, cavaliere, diede loro una casa che possedeva nel distretto di Saint-Georges, al porto di Sablet, per fondarvi un ospedale; ma la posizione non era abbastanza spaziosa. Nel 1279, Aimar de Roussillon diede loro l’ospedale di Saint-André, con il cimitero e la chiesa che ne dipendeva. Questo ospedale di Saint-André aveva un altro nome volgare, con il quale era più conosciuto: si chiamava Contracterie , domus contractoria, casa dei Contratti o Rimpicciolita, perché, come indica il nome, era destinata a poveri storpi. Gli Antonini vennero quindi a stabilirsi tra la Saona e la rue Mercière; la loro casa iniziava all’angolo di rue Petit-David e aveva una notevole facciata sul molo.

Quest’ordine, racconta Cochard, aveva un privilegio singolare: quello di poter tenere in paese un numero di maiali tale da poter sfamare. Fu autorizzato anche a farli vagare per le vie della città, purché questi animali portassero la campana e il marchio di Sant’Antonio. Luigi XI li ha confermatiin tal diritto dalle sue lettere datate l’ultimo giorno di febbraio 1474. Questa licenza diede origine, nel XVI secolo, a frequenti dibattiti tra i monaci, gli abitanti e il comune.

Nel 1562 la casa conventuale degli Antonini non sfuggì alle feroci depredazioni delle bande del barone des Adrets. Lo invasero, sequestrarono i suoi beni e sequestrarono tutti i suoi reliquiari, ornamenti, mobili, titoli, carte. Con sentenza del 14 settembre 1563, l’ordine di Saint-Antoine fu ripristinato in possesso della Commenda; ma non poté recuperare gran parte de’ suoi titoli, che erano stati saccheggiati e dissipati.

La chiesa possedeva sante reliquie portate da Roma dal superiore di questa casa. Furono solennemente trasportati da La Guillotière alla Chiesa di Saint-Antoine, in una straordinaria processione dei Penitenti di Confalon, il 14 gennaio 1655.

L’anno 1668 fu segnato da un grande incendio che divorò diverse case in Place des Cordeliers, all’angolo tra rue Stella e quai de Retz. Il consolato riteneva di dover a sant’Antonio e sant’Agata la cessazione dell’incendio. Mette quindi l’intera città sotto la protezione di entrambi e fece incidere un’iscrizione nella chiesa dei Padri di Saint-Antoine, che ricordava questo beneficio:

sacris incendiorum estintoribus d. antonio
e sanctae agata

quorum intermisso cultu crebris igni cladibus afflicta gemuit civitas lugdunensis sacrum hoc anniversarium tunc necessariæ religionis vindices voto publico indixerunt nobilissimi viri paulus mascrany, eques d. dal baldacchino mercatorum præpositus, andreas falconnet d. delle. gervais regi a concilio medicis et ad percelebre medicorum lugdunensium collegium aggregatus, stephanus berton locorum flace du villars necudois et aliorum plurium locorum consistentorianus come et in præfectura lugdunensi consiliarius, petrus boisse e antonius blaves consules lugdunenses.

anno a virginis partu m. CD. lxviii.In ricordo di questo evento, il 5 febbraio, festa di Sant’Agata, il Consolato assisteva, ogni anno, in veste nera, alla messa celebrata nella chiesa di Sant’Antonio, e offriva alla cappella della santa un cero e un cuore di cera bianca.

Gli Antonini avevano il diritto di avere novizi, ma, per garantire una maggiore regolarità, il noviziato fu separato dalla casa conventuale. Isaac Lefebvre, dal quale abbiamo un elenco delle nostre chiese, dice che nel 1622 questi religiosi avevano costruito la chiesa e il noviziato del loro ordine nel luogo chiamato l’ Arbre-Sec , non lontano da place des Terreaux, in una casa loro data.

Questo ordine ha subito una riforma che si era resa necessaria. Come molte congregazioni religiose – le istituzioni umane sono condannate a questa decadenza – quella degli Ospitalieri di Saint-Antoine, dopo molto fervore, si è rilassata. Diversi abusi si sono insinuati nella maggior parte delle commende; i Superiori, che vivevano da veri comandanti, consideravano le case che avevano ricevuto in gestione come un beneficio che possedevano a vita, e le rassegnavano anche all’insaputa dell’abate. È facile immaginare che cosa doveva essere diventata la vita regolare e conventuale tra gli inferiori, quando quelli che dovevano essere i modelli se ne dimenticavano così facilmente. Fu una grande disgrazia, senza dubbio, ma fu anche per coloro che Dio mise a capo della sua Chiesa, per governarla, l’opportunità di manifestare tutta la loro sollecitudine per l’onore e per il bene delle anime. Antoine Tolosain, ventitreesimo abate, aveva fallito nei suoi tentativi di riforma, ma Antoine Brunel de Grammont V prese le misure necessarie per avere successo e il re Luigi XIII lo aiutò con la sua autorità; Furono allora aboliti i piaceri privati ​​e indipendenti, e le lettere patenti del re ordinarono (24 dicembre 1618) che la riforma fosse introdotta in tutti i monasteri. Riguardo a Lione, Gregorio XV inviò una bolla a monsignor Denis de Marquemont, arcivescovo di Lione, datata 18 luglio 1622, per l’erezione di una congregazione riformata dell’ordine di Saint-Antoine. Ma la morte dell’essere papa ma Antoine Brunel de Grammont V prese le misure necessarie per avere successo, e il re Luigi XIII lo aiutò con la sua autorità; Furono allora aboliti i piaceri privati ​​e indipendenti, e le lettere patenti del re ordinarono (24 dicembre 1618) che la riforma fosse introdotta in tutti i monasteri. Riguardo a Lione, Gregorio XV inviò una bolla a monsignor Denis de Marquemont, arcivescovo di Lione, datata 18 luglio 1622, per l’erezione di una congregazione riformata dell’ordine di Saint-Antoine. Ma la morte dell’essere papa ma Antoine Brunel de Grammont V prese le misure necessarie per avere successo, e il re Luigi XIII lo aiutò con la sua autorità; Furono allora aboliti i piaceri privati ​​e indipendenti, e le lettere patenti del re ordinarono (24 dicembre 1618) che la riforma fosse introdotta in tutti i monasteri. Riguardo a Lione, Gregorio XV inviò una bolla a monsignor Denis de Marquemont, arcivescovo di Lione, datata 18 luglio 1622, per l’erezione di una congregazione riformata dell’ordine di Saint-Antoine. Ma la morte dell’essere papa Gregorio XV inviò una bolla al vescovo Denis de Marquemont, arcivescovo di Lione, datata 18 luglio 1622, per l’erezione di una congregazione riformata dell’ordine di Sant’Antonio. Ma la morte dell’essere papa Gregorio XV inviò una bolla al vescovo Denis de Marquemont, arcivescovo di Lione, datata 18 luglio 1622, per l’erezione di una congregazione riformata dell’ordine di Sant’Antonio. Ma la morte dell’essere papaavvenuto, Urbano VIII mandò un’altra bolla, nel 1624, a Pierre de Villars, arcivescovo di Vienne, il quale poi, il 15 dicembre 1625, pronunciò la sentenza di esecuzione delle dette bolle.

A metà del Seicento furono ricostruiti la chiesa e il convento, sotto la direzione di Mimerel. La casa esiste ancora, porta il numero 30 del quai Saint-Antoine, e ha un’aria tranquilla, soprattutto il cortile, un clausura. Le aperture al piano terra sono semicircolari, e sopra le casette costruite dopo, in rue Petit-David, si vede la sommità della chiesa. Chappuzeau ci dice che i religiosi erano in numero di sedici. Quanto alla chiesa, non l’ho visitata, e per una buona ragione. Ma l’architetto Delamonce, in una sessione dell’Accademia di Belle Arti, tenuta l’8 marzo 1747, lesse una memoria in cui ne parlava; notò la somiglianza esistente tra le tre chiese dei Carmelitani, degli Oratoriani e di Sant’Antonio, e biasimò la sfortunata uniformità presentata da tre monumenti della stessa città, tutti e tre costruiti in stile corinzio. Solo di queste tre chiese oggi resta quella degli Oratoriani, ora di Saint-Polycarpe, che non deve più soffrire il confronto, ma che, almeno, può servire a rappresentarci quella di Saint-Antoine.

Clapasson descrive questa chiesa con gentilezza; la loda molto e ci dice che era la più bella di Lione. Indica le statue di Sant’Antonio e Sant’Agostino, e tra l’altro l’altare, il tabernacolo e la pala d’altare. Non credo che questa lode debba essere presa troppo sul serio; eravamo ai tempi di Luigi XV, che non si distingueva per il buon gusto.

La seconda metà del Settecento è segnata da misure che dovremo più volte ricordare. Una volta per tutte, ne daremo un rapido resoconto.

La scuola volteriana, non è un segreto per nessuno, ha attaccato la religione cristiana e ha voluto distruggerla. Convinta che gli ordini monastici costituissero l’avanguardia della Chiesa, volle sopprimerli. Ma, per evitare che l’emozione fosse troppo forte, agì lentamente e iniziò a diminuire il loro numero. Ilalcune delle seguenti date daranno un’idea della perseverante persecuzione del Settecento:

Nel 1749, decreto che vieta qualsiasi nuova istituzione di capitoli, collegi, seminari, ospedali, case religiose, senza l’espresso permesso del re e lettere-brevetto registrate nei tribunali del regno, – revocando tutte le istituzioni di questo genere fatte senza queste preliminari condizioni , — il divieto a tutte le persone mortmain di acquisire, ricevere o possedere qualsiasi fondo, casa o affitto, senza autorità legale.

Nel 1750 assemblea generale del clero. Il re rivendica come contributo il dono gratuito che vi si votava abitualmente. — Rimostranze dell’assemblea. — L’assemblea è sciolta, ma le pretese regie sono sospese.

Nel 1765 e 1766 assemblea generale del clero; propone una riforma generale degli ordini monastici. Il re nomina una commissione di cui Loménie de Brienne è l’agente principale. Questa commissione fissa a ventuno anni per gli uomini ea diciotto anni per le ragazze l’età richiesta per l’emissione dei voti, e rimuove le case che non hanno un calendariodi monaci o monache. L’accetta è all’albero monastico. In meno di dieci anni, tutti gli ordini, a causa di questo articolo, subiranno notevoli perdite. In questo intervallo i Cappuccini persero milleduecentocinque monaci e ne ricevettero solo quattrocentoquarantasei. I Grandi Carmelitani che, alla pubblicazione dell’editto, erano tredicicentoquarantanove, si trovarono ridotti, nove o dieci anni dopo, a millenovantasette. Nello stesso lasso di tempo, i Recolleti della provincia di Parigi persero quarantotto religiosi e solo sette novizi si presentarono per sostituirli. L’Ordine di San Domenico contava circa milleseicentodieci monaci; nel 1775 gli restavano solo milleduecentotrentasei. Gli Agostiniani videro le presenze annuali ridotte nella proporzione da trenta a sei. Nei primi sette anni precedenti l’editto avevano ricevuto centodieci religiosi alla professione. Nel corso degli otto anni successivi ricevettero ndi trenta e ne perse centotrentatrè. Tutte le altre congregazioni regolari subirono perdite nella stessa proporzione.

Nel 1775 e nel 1780 il clero di Francia, nelle sue assemblee generali, fece udire le più nobili proteste contro il decreto che inaridiva le fonti della vita monastica; non poteva ottenere nulla.

Quindi, fatelo sapere bene: la Regia Commissione dei Regolari, nata apparentemente dalla volontà di riformare, ma in realtà animata dalla decisione di annientare gli ordini monastici in Francia, ha proseguito la sua opera in due modi: ha limitato il reclutamento di religiosi case e, nello stesso tempo, ne pronunciava la soppressione nel caso in cui non riuscissero ad avere o mantenere il numero di soggetti da lei arbitrariamente fissato. La Rivoluzione non farà che completare l’opera iniziata.

L’ordine Antonino fu uno dei primi a subire le conseguenze dell’editto. Nel 1771, Loménie de Brienne si recò all’abbazia di Saint-Antoine, dove era convocato il capitolo, e lì, tenendo in mano l’editto che pronunciava la conventualità: “Vengo, disse ai monaci, per annunciarvi che ogni riflessione è superflua, ogni opposizione pericolosa; dovrai chiudere immediatamente tutte le tue case che non hanno venti monaci. L’assemblea ha voluto presentare alcune osservazioni; de Brienne rispose con nuove minacce di repressione. Gli Antonini vedevano la salvezza per se stessi solo nella loro unione con un ordine più stabile. Pensarono quindi di unirsi a quella di Malta, che aveva una reale somiglianza vocazionale con la loro. L’unione fu acconsentita dai due ordini, il re la sancì con lettere patenti, ed il sovrano pontefice Pio VI, con due bolle datate 17 dicembre 1776 e 7 maggio 1777. Gli Antonini, è vero, non tardarono a pentirsi di questa unione; fecero alcuni tentativi con il clero per ottenere di essere restaurati nel loro vecchio stato. Mons du Lau, arcivescovo di Arles, si fece, nell’assemblea del clero del 1780, loro eloquente difensore, ma, nonostante i sentimenti favorevoli di Luigi XVI, non riuscì a ottenere nulla.

Vediamo che quando è arrivata la Rivoluzione, ha dovuto solo disperdere o finire un corpo religioso che era singolarmente sminuito. Il convento fu venduto come demanio; la casa e la chiesa divennero proprietà private. Quest’ultimo servì a lungo come magazzino per il signor Rusand, stampatore del re e del clero, per numerosi lavori in fogli. Più tardi, il signor Robert lo trasformò in un magazzino di ferro. Intorno al 1840, costituita una società di trecento membri di amanti della musica, al Sig. Flachéron, architetto, fu affidato l’incarico di allestirla e decorarla per farne una sala concerti o spettacoli. Si chiamava circolo musicale, sala da concerto, teatro familiare, ecc. ; ora porta il nome di Gymnasium, a imitazione di Parigi, che ha un teatro con quel nome.

Rimangono, grazie alla ricostruzione relativamente recente della casa degli Antonini, molte tracce del loro passaggio tra noi; ma il ricordo più popolare è senza dubbio il nome di Saint-Antoine, che era custodito presso il molo. Basta questo nome per risvegliare questo passato e per resuscitare la memoria di una comunità che ha vissuto sei secoli in mezzo a noi.

FONTI:

Gallia Christiana , IV , 55.

Aymar Falcon , Hist. Antoniana .

Storia degli ordini monastici , di P. Hélyot , II.

Gli Almanacchi di Lione , ed in particolare quelli del 1763 e del 1779.

Revue du Lyonnais , XVII, anno 1843. Questo stesso articolo si trova in Lyons ancien et moderne .

Clapasson , Descrizione di Lione .

Cochard , Descrizione di Lione .

L’Abbazia di Saint-Antoine nel Delfinato , dell’abate Dassy , ​​sacerdote di Notre-Dame de l’Ozier.

Padre Pavy , Les Grands Cordeliers , pagine 114 e 161.

Archivi comunali.

Saggio storico sulla distruzione degli ordini religiosi nel Settecento , di P. Prat .

Altri articoli

  • Luglio 11, 2024
    Il campanello di Sant’Antonio Abate inciso sulla stele in granito di Ranverso.
  • Luglio 11, 2024
    Li priparativi pe llu ritu te la Fòcara munumentale te Noule ca Se face ncigniannu cu nna leuna

Eventi e Feste

Eventi e Feste

Schede

Schede