Settembre 29, 2021

Chieri Il pulpito collocato sul lato sinistro. Si tratta di opera lignea quattrocentesca potrebbe essere stato fatto costruire dall’Abate Giovanni di Monchenu Primo, Vescovo di Vivers, per l’Abbazia di Sant’Antonio di Ranverso e da qui poi portato a Chieri durante l’invasione napoleonica per salvarlo dalle razzie.

Chieri Il pulpito collocato sul lato sinistro. Si tratta di opera lignea quattrocentesca potrebbe essere stato fatto costruire dall’Abate Giovanni di Monchenu Primo, Vescovo di Vivers, per l’Abbazia di Sant’Antonio di Ranverso e da qui poi portato a Chieri durante l’invasione napoleonica per salvarlo dalle razzie.

Una visita che non t’aspetti

Recensione di Recensito 13 novembre 2018

Sulla destra della chiesa è situato il campanile, unico elemento rimastoci del complesso gotico. E’ costruzione poco elevata a tre ordini di finestre che vanno ampliandosi verso l’alto, di forma ogivale, armillate e poggianti su cornicioni in cotto.
La facciata è molto austera e sobria tanto da far ipotizzare che sia incompleta; detta ipotesi può essere avvalorata dai triglifi presenti sui capitelli, di regola utilizzati come base per successivi ornati.
Interno. E’ a vano unico con quattro cappelle laterali che si alzano sino alla copertura (riferimento alla chiesa del Carmine a Torino). E’ molto luminoso, con la luce che dall’alto si concentra sull’altare maggiore, ponendolo al centro dell’attenzione. L’effetto doveva essere ben più accentuato, se consideriamo che la sopraelevazione del Convento, effettuata nell’800, ha improvvidamente accecato tutte le finestre di sinistra.
Di assoluto rilievo è il gioco strutturale della volta, sostenuta dalla controspinta degli archi aggettanti delle cappelle e da quello dell’ altare maggiore appaiato ad un altro a doppia curvatura, il tutto di piacevolissimo effetto scenografico.
L’ interno è ricoperto da raffinati stucchi che furono dorati all’inizio del ‘900 unitamente ai capitelli delle lesene e delle colonne.
Al centro della volta è dipinta un’ariosa “Gloria di Sant’Antonio”, opera del torinese Vittorio Blanseri, allievo del Beaumont.
Dietro l’altare maggiore, tra le colonne centrali dell’emiciclo absidale, di gusto classicheggiante, è collocata una statua secentesca di Sant’Antonio sorretto da angeli.
Sotto l’ altare maggiore è posto il reliquiario di S. Severino martire romano.
Di particolare pregio è il pulpito collocato sul lato sinistro. Si tratta di opera lignea quattrocentesca di squisita fattura (in origine policromo?), pesantemente mortificato da una uniforme ridipintura.
Rappresenta Sant’Antonio e San Paolo eremiti e nutriti nel deserto, secondo la tradizione, da un corvo. La sua origine è incerta: potrebbe essere stato fatto costruire dall’Abate Giovanni di Monchenu, Vescovo di Vivers, per l’Abbazia di Sant’Antonio di Ranverso (valle di Susa) e da qui poi portato a Chieri durante l’invasione napoleonica per salvarlo dalle razzie.
Molto interessanti sono le tavole della Via Crucis, in scagliola lavorata a bassorilievo, opera settecentesca di Giovanni Battista Bernero.
Nel corridoio che conduce alla Sacrestia si trovano due confessionali (tardo 600?) ricchi di interessanti sculture.
Ancora da segnalare la tela che rappresenta la Sacra Famiglia nella prima cappella a destra: è opera del Marchisio, anch’egli allievo del Beaumont,.
Data dell’esperienza: maggio 2018Chiedi a Gianluca F in merito a Chiesa di Sant’Antonio Abate.

Altri articoli

  • Luglio 17, 2024
    AFOM Mauriziano Sant’Antonio Abate nella mano sinistra tiene il libro con la regola dell’Ordine Antoniano?
  • Luglio 16, 2024
    La Fòcara 2017 Paolo Del Debbio L’Homo Novoliensis ha fatto la Fòcara una memoria che rivive e la sentite dentro di voi

Eventi e Feste

Eventi e Feste

Schede

Schede