Giugno 21, 2022

Alfredo D’Andrade, durante i lavori di restauro eseguiti nel primo quarto del XX secolo, le formelle in cotto portano l’impronta di Castellamonte.

Alfredo D’Andrade, durante i lavori di restauro eseguiti nel primo quarto del XX secolo, le formelle in cotto portano l’impronta di Castellamonte.

Alfredo D’Andrade, durante i lavori di restauro eseguiti nel primo quarto del XX secolo, aveva prelevato dalla facciata sessanta formelle in cotto, ordinandone la riproduzione al fine di preservarle, e per salvarle dall’imminente guerra le aveva “nascoste” nel chiostro, poiché l’accesso a questo durante il conflitto finì a sua volta nascosto dalla vegetazione, di queste se ne era persa traccia e furono, infine, ritrovate nell’ultimo intervento del 2001.

Altri articoli

  • Luglio 11, 2024
    Il campanello di Sant’Antonio Abate inciso sulla stele in granito di Ranverso.
  • Luglio 11, 2024
    Li priparativi pe llu ritu te la Fòcara munumentale te Noule ca Se face ncigniannu cu nna leuna

Eventi e Feste

Eventi e Feste

Schede

Schede