Ottobre 17, 2017

Stamatina, la pumeta aggiu mmullatu.

Stamatina, la pumeta aggiu mmullatu.

Costruirò un Aquilone

Fino a qualche ora fa ero certo: Il 27 aprile ci sarò anch'io alla festa della madonna dei Greci (o ti li Rieci?) e parteciperò alla gara degli aquiloni, ora non ho più la certezza di partecipare poiché mi sono impelagato in una serie di domande a cui non so dare una risposta.

E' un serio problema esistenziale di un quaranta.nne nostalgico!
Al primo uovo di Pasqua che il mio bambino ha aperto quest'anno, gli ho 
detto con sicurezza: " con questa carta papà farà un aquilone e insieme lo faremo volare fino alle nuvole". 

Vedendomi armeggiare (in difficoltà) mia moglie, pragmatica come solo le donne sanno essere, mi ha consigliato di comprarne uno già costruito di quelli belli colorati e in plastica in vendita all'ipermercato. Indispettito ho ribattuto che avrei costruito un aquilone nella maniera tradizionale facendo vedere al bambino come NOI costruivamo l'aquilone che non si chiamava così, ma .e qui comincia la crisi e le domande: .

· Si chiama pumeta o cumeta ?

· La struttura rigida deve essere costruita con la canna verde o secca, e la canna con che cosa si spacca e rifinisce con il taglierino, con la cintha o con lu curtieddhu?

· L'arco e la freccia della struttura rigida con che cosa si fissa all'aquilone? 

. è meglio il nastro adesivo, la coddha ti falegname utata cu lu zippu o la ponnula (o si chamava punnula) e come si preparava?

· Le code dell'aquilone si ncoddhane direttamente al corpo dello stesso o si fissano alla freccia con un bilanciere legato con lo spago? E poi, le code si devono tajare a rundieddhi o a stozze ncuddhate? 

· Li jenti devono essere paru e sparu, paru e paru o sparu e paru 

.a prescindere o si sceglie a seconda del vento che c'è quando si lancia l'aquilone?

· Se il giorno del lancio, l'aquilone dovesse fare ortice per il vento forte e dovessimo decidere di legare lu pisu è meglio utilizzare la sciujarina, la ramigna o la bià resta?

· E se mentre vola ci accorgiamo che mpica, per esempio, a manu ritta conviene mettere lu ricchinu a manu mancina? 

· E se il vento dovesse essere così forte da continuare a provocare l'ortice nonostante lu pisu conviene mandare lu telegramma?

Ora, capirete che dopo tutte queste domande e incertezze sono indeciso se provare a fare il lavoro appena iniziato oppure abbandonare tutto e comprare un coloratissimo aquilone di plastica made in Corea. 

Ho deciso: costruirò l'aquilone e parlerò al bambino in dialetto vegliese: servirà a ricordarmi e ad insegnargli la lingua dei nostri genitori in modo che anche lui possa alternare l'uso della lingua italiana (della televisione) con il dialetto e con l'inglese.. E poi hai visto mai che Bossi.

Auguri per una felice Pasqua senza guerra e senza ipocrisie

Marcello Spedicato

La pumeta…

 

Apr27

Carissimi, vi regalo questa poesia in vernacolo pugliese, scritta da un mio amico che vuole mantenere l’anonimato. Tranquilli…vi passo anche la traduzione.

Stamatina, la pumeta aggiu mmullatu.

lu ientu, quasi brezza, era rufianu,

nu rotulu te spacu n’haggiu tatu;

speriamu ca fuce e ria luntanu.

Ola, pumeta mia, porta la pace

a ci sta more pe’ fa.me e pe’ paura;

a ci la guerra pe’ forza ole cu face,

portani amore e guidalu sicura.

Vane, pumeta, traversalu lu mare.

Alli  figghi te mamma te dra terra

salvali, ca su persone care.

Puru ca nciole nù mese o cchiui te n’annu,

porta salute, pane e mai cchiui guerra

a tutti li piccinni ca nci stannu.

L’ AQUILONE

Questa mattina ho lanciato il mio aquilone.

Il vento, quasi di bonaccia, era complice

ed ho srotolato un grosso gomitolo di spago;

spero che corra e vada lontano.

Vola, o mio aquilone, porta la pace

a chi sta morendo per fame e per paura;

a chi la guerra per forza vuole imporre,

portagli amore e guidalo senza remore.

Vai, aquilone, attraversa gli oceani:

ai poveri giovani di quella terra

Porta salvezza perché sono persone care.

Anche se impiegherai un mese o più di un anno,

porta salvezza, cibo e mai più guerre

a tutti i bambini che stanno li.

Altri articoli

  • Luglio 17, 2024
    AFOM Mauriziano Sant’Antonio Abate nella mano sinistra tiene il libro con la regola dell’Ordine Antoniano?
  • Luglio 16, 2024
    La Fòcara 2017 Paolo Del Debbio L’Homo Novoliensis ha fatto la Fòcara una memoria che rivive e la sentite dentro di voi

Eventi e Feste

Eventi e Feste

Schede

Schede