Ottobre 12, 2017

INTERVISTA A LAURA FENELLI innamorata della nostra festa del fuoco appassionata della Fòcara, ALLA PIÙ AUTOREVOLE ED ESPERTA DELL’ICONOGRAFIA E DEL CULTO DI SANT’ANTONIO ABATE

INTERVISTA A LAURA FENELLI innamorata della nostra festa del fuoco appassionata della Fòcara, ALLA PIÙ AUTOREVOLE ED ESPERTA DELL’ICONOGRAFIA E DEL CULTO DI SANT’ANTONIO ABATE

Academia.edu


     We're trying Google Ads to subsidize server costs. If you are logged in, you won't see ads. Hover to learn more.

     Academia.edu is experimenting with ads

     

    pdf

    Strade (supplemento a L'ora del Salento)

     

    4 Pages

    Strade (supplemento a L'ora del Salento)

      connect to download

    Get pdf

    READ PAPER

    Academia.edu

    Strade (supplemento a L'ora del Salento)

    Download

    Strade (supplemento a L'ora del Salento)

    Loading Preview

    scribd. scribd. scribd. scribd. scribd. scribd. scribd. scribd. scribd. scribd. scribd. scribd. scribd. scribd. scribd. scribd. scribd. scribd. scribd. scribd. scribd. scribd.

     

    ST ADE

    I

    SPECIALE

    Supplemento al numero odierno de L’Ora del Salento – 17 Gennaio 2015 – Anno XXV n. 2

    NOVOLI

    L

    aura Fenelli

    (Parma 1980), laureata in Storia dell’Arte Medievale e dottore di ricerca in Storia Medievale, ha trascorso periodi di studio presso l’Ehess di Parigi, l’Universität der Künste di Ber-lino ed il Warburg Institute di Londra. Dal 2007 al 2011 è stata borsista post-doc presso il Kunsthistorisches Institut-Max Planck Institut di Firenze ed attualmente col-labora con l’Istituto Sangalli pubblicando le sue ricerche

    su riviste italiane ed internazionali. Raf?nata e talentuosa

    amazzone della cultura, è la più autorevole esperta dell’i-

    conogra?a e del culto di Sant’Antonio Abate. Nel 2011

    ha pubblicato il suo capolavoro, “Dall’eremo alla stalla”, più che un libro un gioiello dedicato al grande eremita egiziano. Ora sbarca sulle colonne de

    L’Ora del Salento

     per raccontarcelo…

    Dott.ssa Fenelli, quella narrata nel suo libro è una storia incredibile: diavoli celati sotto le forme di pro-caci fanciulle che seducono scoprendosi la caviglia, eremiti pelosi che si aggirano nel deserto con barba e capelli lunghi sino alle ginocchia, maialini che scor-razzano per le città seminando scompiglio, soldati

    blasfemi che fanno il “gesto delle ?ghe” e ?niscono

    inceneriti…Ma ci tolga un curiosità, come si è inna-morata di Antonio?

    La ?gura di

     Antonio

    , come santo protettore degli ani 

    mali, mi era familiare sin da bambina ma il progetto di uno studio approfondito del personaggio nasce in occasione della mia laurea in Storia dell’Arte Medievale. Le immagi 

    ni sacre mi hanno sempre affascinata. Volevo scoprire le ragioni storiche di determinate iconogra?e, riportare alla luce il signi?cato dei simboli che rendevano riconoscibile un santo agli occhi dei fedeli. In questo panorama il caso di Antonio è peculiare: gode di un culto ininterrotto dal Medioevo ai giorni nostri in tutto il Mediterraneo, è croce

    via di incontro tra culture diverse, è amato nel Cattolice

    simo e nell’Ortodossia, tutto ciò ha implicato una ?oritura iconogra?ca davvero rigogliosa.

    Punto di partenza è stato il notevole corpus lettera-

    rio antoniano: la biogra?a atanasiana, la Leggenda di

    Patras, la Vita di Paolo eremita redatta da Girolamo e poi le pagine di Jacopo da Varazze ed altri ancora, in-somma, una vera galassia di testi! Ma quale relazione esiste tra queste opere?

    Certo, le fonti letterarie sono ricchissime. Con ogni  probabilità Antonio non fu il primo eremita ma uno dei tanti che intorno al III-IV sec. popolarono il deserto egi 

    ziano o altre regioni dell’Oriente. Tuttavia la Vita, scritta in greco da Atanasio all’indomani del transito del santo, gli assicurò una fama eterna, creando il successo della sua ?gura che assurse a padre e modello del monachesimo. Quello atanasiano è un testo meraviglioso, avvincente, una sorta di best seller: fu tradotto in latino, copto, siriaco, assiro e trasmesso da numerosi manoscritti. In tal modo divenne, nel corso dei secoli, sorgente di molteplici leg 

    gende. Qualcosa compare addirittura nei poemetti abruz 

    zesi, in cui Antonio è dipinto come un contadino costretto a misurarsi con le avversità del lavoro nei campi. Ciò che colpisce, pur nelle metamorfosi di cui il santo è stato og 

    getto, è la persistenza di un racconto agiogra?co in tempi lunghissimi: l’Antonio tormentato dai demoni delle pagine di Atanasio non è così lontano dall’Antonio campagnolo cui il diavolo fa i dispetti delle ballate popolari.

    Già, il demonio! Le storie delle tentazioni hanno avu-

    to una gran fortuna nell’iconogra?a. L’episodio di An

    tonio bastonato dai demoni è molto noto e compare anche sul portale del santuario di Novoli. Celebre è poi la tentazione della lussuria. Gli ultimi cantastorie salentini la raccontano ancora: il diavolo appare nel-le vesti di una fascinosa fanciulla che si scopre una caviglia per sedurre il santo…

    Facciamo chiarezza! Il motivo della tentazione fem

    minile è accennato appena da Atanasio senza dilungarsi in particolari. Essa viene dunque intesa solo come una tentazione fra le tante. Quello del monaco tentato da una donna è un topos agiogra?co di matrice francescana. Nei Fioretti si narra di come

    Francesco

     seppe resistere alle seduzioni di una bella saracena sdraiandosi in un letto di

    IL SANTOE IL FUOCO

    INTERVISTA A LAURA FENELLI, ALLA PIÙ AUTOREVOLE ED ESPERTA DELL’ICONOGRAFIA E DEL CULTO DI SANT’ANTONIO ABATE

    LA FAMA ETERNADELL'EREMITA EGIZIO

    IN COLLABORAZIONE CON:IL COMITATO FESTE

    (PRESIDENTE ERIBERTO MILLI)

    E LA FONDAZIONE FOCARA

    (PRESIDENTE OSCAR MARZO VETRUGNO)

     

     

     www.apolloniovini.it

    ST

    II

    SPECIALE

     TUTTI P

    fuoco. La cosa è interessante perché indica come l’antico culto di Antonio nel Tre-Quattrocento, per resistere alla concorrenza di nuovi santi, dovette essere in parte ripla

    smato sull’immagine di quest’ultimi attraverso un proces

    so di contaminazione agiogra?ca. Fu così che la vicenda della seduttrice ?nì tra le tentazioni dell’eremita egiziano.

    Atanasio dichiara di non conoscere dove sia la tom-ba di Antonio. Ad un certo punto però le sue reliquie compaiono in Francia. Perché il santo ha intrapreso questo lungo cammino che dall’Egitto lo avrebbe condotto in Europa?

    Partiamo da un dato: nel Duecento era già diffusa la Leggenda di

    Teoflo

     che narrava la miracolosa inventio del corpo del santo e la traslazione a Costantinopoli. Dal 

    l’XI sec. però le reliquie di Antonio sono custodite in Fran

    cia, nel Del?nato. Al ?ne di rendere ragione di questo fat 

    to, sorgono le leggende del cavaliere francese Jocelino di Guglielmo che, dopo aver combattuto al ?anco dei bizan

    tini, porta con sé in patria i venerati resti dell’eremita. Aldilà della verità storica di tali racconti, l’arrivo di An

    tonio in Europa è da inserire in quel vasto movimento di reliquie importa

    te dall’Oriente nel Medioevo e la pro

    venienza da Costantinopoli era una sorta di garanzia per l’autenticità. Ma il successo del culto è legato alla  protezione dalla malattia dell’ignis sacer. Non si trattava dell’herpes zo

    ster, l’attuale “fuoco di Sant’Antonio”, ma dell’ergotismo, una pericolosa in

    tossicazione alimentare causata dal consumo di segale parassitata da un fungo. L’assistenza dei malati impli 

    cò la costituzione dell’Ordine Antoniano…

    Un ordine che non godeva di buona fama se pensia-mo al frate Cipolla di Boccaccio, ai versi di Dante o al Trecentonovelle del Sacchetti…

    Gli Antoniani sono un ordine sui generis: al contrario di Francescani e Domenicani non hanno un santo fondatore ma scelgono Antonio come patrono in un momento in cui è già veneratissimo. Non possono avere il monopolio del culto ma hanno l’esclusiva della cura della malattia per la quale ci si rivolge al santo. Possiedono strutture ospe

    daliere avanzate, confezionano il saint vinage versando vino nel reliquiario dell’eremita che viene poi sommini 

    strato ai malati e, siccome il grasso suino è necessario  per lenire le sofferenze di quest’ultimi, allevano mandrie di maiali che vengono lasciati liberi di scorrazzare con delle campanelle per le città, causando non pochi disagi e le lamentele del Petrarca! Sono un ordine ricco e potente e ciò crea loro ostilità. A questo rispondono incutendo il terrore per lo stesso male che sono soliti curare: diffondo

    no l’idea che Antonio sia un santo tremendo che protegge i devoti ma punisce col fuoco chi arreca offesa ai suoi monaci o tenta di rubare un suo maiale! 

     

    Ecco perché da noi si dice che “Sant’Antoniu se

     ?nnàmurau te nù puercu”! Furono dunque gli Antonia

    ni a ridipingere l’iconogra?a del santo?

     Assolutamente. La ?gura di Antonio, sin dall’arrivo in Europa, aveva già intrapreso un processo di occidentaliz 

    zazione, distaccandosi sempre più dall’idea di anacoreta della Tebaide per divenire abate di monastero. In questo  percorso di riscrittura iconogra?ca, gli Antoniani ebbero un ruolo signi?cativo, diffondendo un’immagine del tutto conforme alle proprie attività devozionali. Antonio diven

    ne così un santo antoniano: vestito con l’abito dell’ordine ed associato ad attributi che richiamassero in maniera inequivocabile la missione della famiglia religiosa come il fuoco, la campanella ed il maiale. Diverso è il caso del tau, detto potentia, probabilmente l’unico simbolo legato in antico all’eremita perché di chiara origine orientale, ma che gli antoniani fecero comunque proprio. La pervasività dei simboli connessi all’ordine divenne talmente naturale che, quando gli antoniani si estinsero, le ragioni dell’ico

    nogra?a vennero dimenticate. Non essendoci più i suini a vagare per le città, i commentatori del Seicento non sape

    vano per quale motivo il santo avesse per ?do compagno un maiale. Si veri?cò allora una ?oritura di nuove leggen

    de nate da immagini che non si era più in grado di deco

    di?care ed il cerchio si chiuse: partito dal deserto, Antonio divenne il patrono delle stalle e delle campagne da invo

    care per scongiurare incendi o epidemie del bestiame.

    Andrea Pino

    CONTINUA DA PAG. 7

     

     www.apolloniovini.it

    DE

    III

    17 Gennaio 2015 – Anno XXV n. 2

    La venerazione dei novolesi per “il santo del fuoco” anche se non è un dato certo, è da rite-

    nersi molto antica, risalente probabilmente all’epoca bizantina, atteso che la devozione a S. Antonio Abate è, appunto, bizantina. Testimonianza di questa antica venerazione è certa

    mente “il capitello dell’Hosanna” che si trova vicino al tempio del Santo e su cui sono scolpiti non solo gli stemmi del Comune e dei Mattei (antichi signori di Novoli) ma anche le ef?gi dei

    protettori novolesi e cioè la

    Madonna di Costantinopoli

     e S. Antonio Abate. Uf?cialmente S. Antonio Abate divenne protettore di Novoli nel 1664, cioè due anni dopo la conclusione

    dei lavori che avevano trasformato completamente in una grande chiesa il tempietto votivo

    preesistente, “l’olim sacellum” di cui si fa menzione per la prima volta nella I Visita Pastora

    le di mons.

    Luigi Pappacoda

     del 18 maggio 1640.

    Lo studioso

    Pietro De Leo

     ha ricostruito le fasi di tale “uf?cialità”, pubblicando nel 1971 tutti gli antichi documenti relativi all’elezione di S. Antonio come Avvocato e Protettore del paese nel 1664, documenti scoperti nell’Archivio della Curia Vescovile di Lecce. Dalla ri

    cerca del prefato studioso, si apprende dunque che il 20 gennaio 1664 in “Sancta Maria De

    Novis” (così si chiamava allora Novoli) il sindaco

     Andrea Ricciato

    , gli uditori, gli ordinati, e

    gli eletti di reggimento, con il consenso del luogotenente Domenico Saracino, del conte di

    Novoli

    Giuseppe Antonio Mattei

    , elessero a protettore S. Antonio Abate.

    NOVOLI

     

     "PAZZI

     

    "R L'EREMITA

    LA DEVOZIONE DEI NOVOLESI

    Il 22 gennaio invece si concluse il Capitolo di Novoli (con a capo l’arciprete don

    Pietro Pe-rulli

    ) che deliberò la stessa decisione previo assenso del mons.

    Luigi Pappacoda

     e nello

    stesso mese sia l’Università che il clero della terra di Novoli chiesero al vescovo l’as

    senso perché S. Antonio Abate fosse loro protettore. In poco tempo, il vescovo con

    cesse il permesso che S. Antonio fosse proclamato protettore e che si effettuasse la processione. Non fu chiesto l’assenso della Sacra Congregazione dei Riti. Mons.

    Pappacoda

    , pur sapendo che, senza l’assenso di Roma, il titolo di protettore era,

    come si dice nel diritto canonico, un “titolo colorato”, lasciò perdere, sia perché

    non aveva tempo, sia perché nessuno gli dava premura. Così passarono anni e nel 1719 durante la Visita Pastorale, il vescovo

    Fabrizio Pignatelli

    , impose all’arci

    -prete don

    Oronzo Mazzotta

     di regolarizzare la nomina di S. Antonio a patro

    no del paese, ma poiché il vescovo morì qualche mese dopo, sia l’arciprete,

    sia il sindaco

    Lorenzo Ruggio

     temporeggiarono. Finalmente il 2 giugno 1737, con cui la Sacra Congregazione dei Riti proclamava S. Antonio protettore

    di Novoli, fu ritirato in Curia dai sacerdoti don

    Francesco Russo

     e don

    Francesco Giampietro

     dopo aver giurato che Novoli non aveva altro

    protettore principale; così il 17 gennaio divenne giorno festivo a tutti gli effetti.

    PATROCINIO E PROTEZIONE

    Le schede dell’inserto sono tratte da uno studio realizzato

    da

    Anna Laveneziana

     nella tesi di Laurea in Scienze Religio

    se presso l’Istituto di Lecce intitolata “

    I giorni della Puri? 

    – 

    cazione: Il culto a Sant’Antonio Abate a Novoli” 

     

    ST ADE

    IV

    SPECIALE

    17 Gennaio 2015 – Anno XXV n. 2

    NOVOLI

    Se l’uf?cializazione del culto, come si è visto, appartiene a tempi remoti, l’acquisizione inve

    ce della “reliquia” del Santo che nei giorni di festa viene esposta e venerata, è abbastanza recente. Essa giunse a Novoli da Tricarico, paese in provincia di Matera, precisamente il 27 luglio del 1924, segnando così una pagina fondamentale della storia di Novoli. La tradi

    zione racconta che nell’inverno del 1924 don

    Carlo Pellegrino

     si era recato a Tricarico, con altri sacerdoti, per una sacra missione. Dopo qualche giorno, don Carlo scrisse una lettera annuziando che nella cattedrale di Tricarico vi erano due urne ricchissime di argento, dono di un cardinale, contenente una le reliquie di S. Polito martire vescovo di Tricarico, e, l’altra di Sant’Antonio Abate. La notizia fece fremere di gioia i Novolesi e subito fu formulata una supplica per il Vescovo di Tricarico in cui lo si pregava di concedere a Novoli la reliquia di Sant’Antonio Abate. La supplica, avvalorata dalla comendatizia di mons.

    G. Trama

    , fu accol-

    ta e così alla ?ne di febbraio, don Carlo Pellegrino e don

    Giovanni Madaro

    , rettore del san-

    tuario, si recarono a Tricarico per ricevere la reliquia in consegna. Quando la reliquia giunse a Lecce, fu posta nell’attuale e ricchissimo reliquiario d’argento di stile gotico e autenticata dal sigillo di mons. Trama. Il reliquiario rimase nell’oratorio del palazzo vescovile di Lecce ?no al 27 luglio, quarta domenica del mese, giorno ?ssato per la solenne traslazione che fu effettuata con un treno speciale.Sul piazzale della stazione mons.

    Francesco Greco

     dette un caloroso saluto a nome di tutto

    il popolo novolese; quindi si svolse la processione solenne alla quale parteciparono i due Ve

    scovi mons. Trama e mons.

    Delle Nocche

    , vescovo di Tricarico. Furono percorse le vie fra i canti e gli applausi del popolo novolese e dei forestieri. La S. Reliquia fu poi esposta sull’al

    tare maggiore e la festa per tre giorni. Dopo queste giornata di preghiera e di festa, la S. Reliquia fu custodita nel cappellone del Santo.

    GIUNSE LA RELIQUIA

    Il culto a S. Antonio Abate è diffuso in molti comuni del Salento come, ad esempio, a Gallipoli, Squinzano, Nardò, Taviano, Matino, Campi SAlentina, Carmiano, Arnesano, Racale, Giagnano, Cutro?ano ecc. Ma “a Novoli assume funzioni e caratteristiche più complete e più strettamente collegate al culto intero in senso cristiano, in quanto ne conserva intatti i simboli”.A Novoli il culto in onore del Santo Patrono ha, come già detto nel capitolo precedente, radici antiche la cui uf?cializzazione risale al 28 gennaio 1964, allorquando il vescovo dell’e

    poca, mons.

    Luigi Pappacoda

    , concesse l’assenso canonico alla supplica dell’Università e del clero e dichiarò S. Antonio Abate suo Protettore.I giorni dei festeggiamenti in onore del Santo, ricchi di celebrazioni religiose, iniziano uf?cialmente il 6 gennaio con l’intronizzazione e continuano il 7 con l’inizio del novenario per poi culminare il 16, giorno della vigilia, durante il quale si svolgono i momenti più saleitni e sentiti della festa: benedizione degli animali, la processione con la reliquia e il simulacro del taumaturgo, la suggestiva accensione della “focara”.

    È la pratica del “pellegrinaggio”, o meglio ciò che rimane di una tradizione antichissima e

    gloriosa tipica della mentalità medievale che si nutriva di smboli e di parabole. Il pellegri

    naggio si protrae per lungo tempo dopo la festa, quando non c’è il richiamo dei fuochi e della focara.

    IL PELLEGRINAGGIO

    A Novoli l’accensione della focara in onore del Santo è il momento culminante della festa, accensione che avviene la sera della vigilia ovvero il 16 gennaio; una focara, la più caratteri

    stica, di cui i novolesi sono giustamente orgogliosi, famosa ormai anche oltre i con?ni nazio

    nali. Non è possibile affermare con precisione quando i novolesi hanno iniziato il rito del falò in quanto, sino ad oggi, nonostante lunghe ed incessanti ricerche, non è stato ancora ritro

    vato un utile documento al riguardo. Al momento si possono solo fare delle ipotesi, delle ri?essioni sulla base soprattutto di quanto è stato già scritto e rilevato sull’argomento. Si è costretti quindi a lavorare di intuito e, per quanto è possibile, anche di logica. L’origine della

    focara, secondo il

    Franchini

    , il

    Guadagno

     ed altri viene fatta risalire al XV secolo, periodo in cui i veneziani si stabilirono a Novoli per merito dei Prioli per esercitarvi il commercio della produzione locale di vino, olio ecc. La prima testimonianza diretta risale al 1905, e questo lo si ricava da un articolo di

    O. Madaro

    , primo rettore del santuario di Sant’Antonio Abate, già citato, allorquando descrivendo “la festa ieri e oggi” scrive testualmente:

    Una festa rimasta impressa vario tempo nel mio ricordo fu quella del 1905, in cui fu celebrato il centenario della proclamazione di Sant’Antonio a patrono di Novoli e rimase impressa, non solo per le straordinarie solennità che l’accompagnarono, ma per la novità di una abbondante nevicata che imbiancò “la Focara” alla vigilia della festa.

    Altre fonti quasi coeve o succes

    sive a questa data, sono le testimonianze del

    D’Elia

     (1912) e del Palumbo (1938). Documenti sino ad oggi non ne sono stati trovati che risalgano a prima del 1905, anche se il D’Elia che scrive nel 1912 parla della focara come di un rito antichissimo. Vero è anche il fatto che nel gennaio del 1664 nel documento in cui l’Università e il Clero della terra di Novoli chiedono al

    vescovo

    Pappacoda

     l’assenso perché S. Antonio Abate diventi loro protettore, allorquando si fa menzine della festa del Santo non vi è in esso alcun riferimento alla Focara mentre invece si menzionano i fuochi d’arti?cio.

    LA GRANDE FOCARA

    Sorry, preview is currently unavailable. You can download the paper by clicking the button above.

     

    GET pdf

    ×Close

    Log In

    Log In with Facebook
    Log In with Google

    or

    Email:

    Password:

    Remember me on this computer

    or reset password

    Enter the email address you signed up with and we'll email you a reset link.

    Need an account? Click here to sign up

    Academia © 2016

    Altri articoli

    • Luglio 16, 2024
      Madaro Luigi e Augusto Cavallari Murat, il culto che lega la Chiesa Sant’Antonio Abate di Novoli con l’Abbazia di Sant’Antonio di Ranverso
    • Luglio 11, 2024
      Portavoce il Sig.Teifreto, non migliora la situazione della sicurezza

    Eventi e Feste

    Eventi e Feste

    Schede

    Schede