Ottobre 12, 2017

In merito alla stadera di Ranverso peccato per il controllo delle punzonature, perchè trovarne sarebbe lunico mezzo per poterla datare con certezza, in alternativa dobbiamo affidarci alla sola analisi stilistica e tecnologica.

In merito alla stadera di Ranverso peccato per il controllo delle punzonature, perchè trovarne sarebbe lunico mezzo per poterla datare con certezza, in alternativa dobbiamo affidarci alla sola analisi stilistica e tecnologica.

                                                                         

—-Messaggio originale—-
Da: collezione@museodellabilancia.it
Data: 10-set-2013 13.45
A: "ricercatoreteifreto@libero.it"
Ogg: Re: Bilancia

Prot. 965M/2013

Gentile signor Teifreto,

grazie per le foto che mi ha inviato, non sapevo dell'esistenza del Museo privato Carpano e tanto meno che possedesse bilance: i due bilici grandi sono belli e soprattutto molto ben conservati.
In merito alla stadera di Ranverso peccato per il controllo delle punzonature, perchè trovarne sarebbe l'unico mezzo per poterla datare con certezza, in alternativa dobbiamo affidarci alla sola analisi stilistica e tecnologica.
Per poter redigere una scheda vera e propria della stadera sarebbero necessarie fotografie che non possiedo, con altri particolari oltre a quelli che già ho, ma in ogni caso riesco a darle una breve descrizione della stadera, che qui segue:

Grande stadera composta, in ferro, per pesare carri e grossi carichi. Il braccio minore è di forma lanceolata attraversata da una freccia terminante con due sfere in ferro, al braccio maggiore è sospeso un lungo tondino di ferro che sorregge un piattello circolare per appendere i pesi di rapporto per aumentare la portata dello strumento. Per evitare la flessione dell'asta è presente, sempre sul braccio maggiore, un rinforzo in ferro di forma triangolare. L'asta sorregge una crociera di forma triangolare alla quale vanno appese quattro catene, ad anelli alla catalana allungati, per la sospensione del carico. Una volta legato il carico questo viene sollevato mediante una manovella che muove una cremagliera in ferro posta all'interno dell'edificio.
Le dimensioni della stadera e l'altezza alla quale è posta nel caseggiato mi portano ad escludere con certezza un suo uso per pesare i maiali, piuttosto la intenderei come stadera per pesare, sospendendoli, i carri e i carichi voluminosi; bisognerebbe inoltre capire se le stadera afferiva all'ospedale o all'edificio rurale che è sorto in suo luogo.
In merito ad una datazione, in mancanza di dati certi (punzonature, iscrizioni e portata dello strumento) e documentali, la daterei tra la seconda metà del XVIII e gli  inizi del XIX secolo; a partire dal 1815 infatti queste stadere ad argano incominciano ad essere sostituite con delle bilance a ponte col tavolato in legno in cui il carico non veniva più sospeso.

PS per stadera composta si intende una stadera che ha la possibilità di aumentare la portata dell'asta, in questo caso mediante il piattello per i pesi di rapporto

Spero di aver soddisfatto la sua richiesta e che le guide possano così fornire ai turisti informazioni corrette.
Nel caso in cui vi fosse qualche novità/analisi della stadera mi tenga informata.
Cordiali saluti

Lia Apparuti

 autore Ersilio Teifreto

 

Altri articoli

  • Maggio 11, 2024
    Blues Baldacc Premio Campiello
  • Maggio 11, 2024
    Presentazione romanzo blues baldacc 

Eventi e Feste

Eventi e Feste

Schede

Schede