Ottobre 12, 2017

I fondi, stanziati dallOrdine e dalla Regione per complessivi 880 milioni, saranno utilizzati per il risanamento della chiesa e del campanile, dei tetti, della facciata e degli affreschi del presbiterio e della cappella del Priorato, alcuni dei quali opera di Giacomo Jaquerio che li firmò datandoli al 1430. Lintervento di restauro è seguito dalla Soprintendenza – che ne ha affidato la direzione allarchitetto Gianfranco Gritella – e sarà ultimato entro giugno del 2001.

I fondi, stanziati dallOrdine e dalla Regione per complessivi 880 milioni, saranno utilizzati per il risanamento della chiesa e del campanile, dei tetti, della facciata e degli affreschi del presbiterio e della cappella del Priorato, alcuni dei quali opera di Giacomo Jaquerio che li firmò datandoli al 1430. Lintervento di restauro è seguito dalla Soprintendenza – che ne ha affidato la direzione allarchitetto Gianfranco Gritella – e sarà ultimato entro giugno del 2001.

ENDARIOSPEED?NEWSFORUMANNUNCICONCORSISONDAGGICOMMENTIPUBBLICITÀfacebooktwitterinstagram  
ONPAPERMOBILEBOOKSHOPRSSPDFTVLE VOSTRE FOTOBLOGALERTNEWSLETTEREXIBART.SEGNALASEGNALA UN EVENTO
 
 
  
 
 
 
    
 
 
    
 
     
 

IL TESORO MEDIOEVALE DELL'ABBAZIA

   
 I lavori di restauro sull'Abbazia di S. Antonio di Ranverso (To) hanno portato alla scoperta di 60 preziose formelle medioevali in cotto.
La scoperta – Il restauro – La facciata…
   
 
 

pubblicato venerdì 2 marzo 2001
La scoperta
I lavori di restauro promossi per l'Abbazia di S.Antonio di Ranverso hanno portato alla scoperta di un gruppo di formelle in cotto, decorate con raffinati motivi floreali e geometrici in altorilievo: oltre ad un lotto di duemila formelle dell'Ottocento, gli studiosi hanno ritrovato, nella cella-ghiacciaia del chiostro, sessanta preziosissime formelle – larghe trenta centimetri per quindici – che sono dei capolavori medievali dell'arte figulina piemontese. Questo tesoro venne messo al sicuro nel secolo scorso dall'archeologo Alfredo D'Andrade che ordinò la riproduzione, in duemila copie, delle sessanta formelle originali che aveva prelevato dalla facciata dell'Abbazia romanica di S. Antonio di Ranverso, per salvarle dal degrado e per completare il restauro della chiesa che lo impegnò dal 1887 al 1914. Da quando, all'inizio della prima guerra mondiale, D'Andrade nascose le formelle in una cella del chiostro – il cui ingresso era nascosto da una siepe – nessuno seppe più nulla di quelle. Fino alla scoperta di questi giorni. 
Giacomo Jaquerio, Passione, part., Abbazia di S. Antonio di Ranverso
Il restauro
Sono in corso sull'Abbazia di S. Antonio di Ranverso importanti lavori di restauro, voluti e avviati da Emilia Bargoglio, Presidente dell'Ordine Mauriziano, ente proprietario dell'Abbazia, e da Giampaolo Zanetta, direttore dell'Ordine. I fondi, stanziati dall'Ordine e dalla Regione per complessivi 880 milioni, saranno utilizzati per il risanamento della chiesa e del campanile, dei tetti, della facciata e degli affreschi del presbiterio e della cappella del Priorato, alcuni dei quali opera di Giacomo Jaquerio che li firmò datandoli al 1430. L'intervento di restauro è seguito dalla Soprintendenza – che ne ha affidato la direzione all'architetto Gianfranco Gritella – e sarà ultimato entro giugno del 2001. Nel corso del restauro della facciata una piccola parte delle formelle originali sarà nuovamente collocata al suo posto: la maggiorparte di quellw sarà invece accolta nella nuova struttura museale che esporrà, in uno spazio recuperato dal chiostro, arredi e paramenti sacri antichi.
La facciata
Facciata esterna, part., Abbazia di S. Antonio di Ranverso
I restauratori, guidati da Cristina Arlotto, con il coordinamento della dott.ssa Sonia Savio, hanno individuato, grazie ad uno studio sulle formelle, il colore originale della facciata e hanno ricostruito la sua decorazione. La grande novità è che essa non era solo di colore rosso mattone, perché le formelle ritrovate sono policrome e decorate con fregi geometrici a foglie d'argento e d'oro. La ricostruzione della decorazione ha portato i restauratori ad ipotizzare la presenza di fasce di esagoni rossi chiuse da una greca e da decorazioni floreali. Campeggiava poi nella decorazione un grande Tau, la lettera dell'alfabeto greco simbolo dei Frati Antoniani. 

FONTE: QUOTIDIANO La stampa di Torino

rilevatore Ersilio Teifreto del bolg ToriNovoli

Altri articoli

  • Aprile 23, 2024
    Mosca Sant’Antonio Abate
  • Aprile 18, 2024
    Pina Sorrenti la canosina

Eventi e Feste

Eventi e Feste

Schede

Schede