Maggio 4, 2024

Audioguida Sant’Antonio di Ranverso

Audioguida Sant’Antonio di Ranverso

Picta Fuit Ista Capella

P[ER] MANU. Claudia Sponton – Piano di diffusione delle Lavagne Interattive Multimediali- 2009/2010 – Scuola Secondaria di I grado Giacomo Jaquerio – Buttigliera Alta – TO.

Un’audioguida per la Precettoria di Sant’Antonio di Ranverso. Durante la #MuseumWeek dal 7 al 13 giugno incominceremo la sperimentazioneconi
visitatori di una audioguida illustrata e narrata per la Precettoria di Sant’Antoniodi
Ranverso. La presentazione avverrà in diretta streaming sulla pagina fb di Sant’Antonio di Ranversoe dell’Accademia Novalia, giovedì 10 giugno alle ore 11.00.
Il progetto nasce in collaborazione tra la Fondazione Ordine Mauriziano e la LiberaAccademia D’Arte Novalia e costituisce un ottimo esempio dell’impiego della figuradell’artista, del grafico e dell’illustratore in ambito didattico e museale. La Fondazione Ordine Mauriziano, tra le sue missioni, si occupa della conservazioneevalorizzazione del Patrimonio Culturale Mauriziano, che annovera la Palazzina di Cacciadi Stupinigi, l’ Abbazia di S.Maria di Staffarda, la Precettoria di S.Antonio di Ranverso,
l’Archivio Storico, oltre alla Basilica Mauriziana di Torino, ai molti altri monumenti eluoghi di culto e alle componenti immateriali di preservazione della memoria. Novalia, con sede ad Alba (Cn) è una realtà unica nel panorama degli istituti di altaformazione artistica in Italia e si radica all’interno di un territorio impregnatodi
creatività, impegno professionale e attitudine alla bellezza nei più svariati settori. Lacittà di Alba, la provincia di Cuneo, le colline dell’Unesco e la terra di SlowFood, così
come grandi realtà museali del territorio, sono solo alcuni dei partner concui
l’Accademia si interfaccia e amplia la sua zona di azione e di lavoro con i suoi allievi. Da una convenzione, siglata nel 2018 tra i due enti, è nato questo scambio che ha vistopiù volte partecipi gli studenti e gli insegnanti in sessioni di studio e giornate di lavoroall’interno sia della Palazzina di Caccia di Stupinigi sia della Precettoria di Sant’Antoniodi
Ranverso. E’ stato proprio il sito di Sant’Antonio di Ranverso a essere scelto come luogo di lavoroesperimentazione all’interno del Corso di Tecniche Performative per le arti visive nell’A.A. 2019-20.
Il complesso, che sorge all’imbocco della Valle di Susa sull’antica via Francigena[Buttigliera Alta (TO)], è un luogo di grande prestigio dove l’architettura tardo goticaeun ricchissimo patrimonio di affreschi ci riportano nel mondo culturale del ducatosabaudo tra l’autunno del medioevo e il rinascimento. E’ costituito da una chiesaabbaziale, un ospedale medievale e un intero borgo rurale e costituiva inoltreun’importante tappa nelle vie di pellegrinaggio ai massimi luoghi santi della cristianità.
FONDAZIONE ORDINE MAURIZIANO
2In questo ambito ha preso le mosse un progetto che ha coinvolto direttamentegli
studenti nella produzione di uno strumento di valorizzazione della Precettoria, chefosseutile alla fruizione da parte dei singoli visitatori.
Inizialmente, valutando l’effettiva entità del percorso di visita che si sviluppava benoltrela struttura della chiesa, è emersa subito l’esigenza di un’audioguida per comprendereappieno il luogo, trasmettendo una visione più ampia data da tutto il concentricoefocalizzare l’attenzione anche sull’esterno, fin dalla Via Francigena, nei pressi dellafacciata dell’ospedaletto. L’attenzione si è focalizzata sulla produzione di una mappa, fruibile gratuitamentedai
visitatori che potesse fare da filo conduttore alla visita in cui venissero messi a fuocoi
punti salienti della storia, dell’arte e delle architetture del complesso. Oltre alla realizzazione grafica, sono stati elaborati gli otto testi che delineano il percorsoe, conseguentemente, trasformati in tracce audio e ascoltabili tramite i QRcodedi
riferimento sulla mappa. Hanno partecipato al progetto:
Giulia Rivelli: autrice della mappa
Gaia Ballerio, Greisa Bejto, Matteo Clerici, Monica Crema, Veronica Dematteis, GiaelaDeVita, Gioele Pasina, Chiara Saluzzo, Giorgia Zanin. Le insegnanti, Benedetta Frezzotti e Serena Fumero
La sperimentazione si è rivelata produttiva sia dal punto di vista didattico sia per laPrecettoria, che ha ora a disposizione un valido strumento educativo. Auspichiamocheil
costo contenuto del progetto e la relativa facilità di esecuzione incoraggino l’emulazioneda parte di altri siti di primaria importanza che, come Sant’Antonio di Ranverso, sonoancora relativamente poco noti e privi un adeguato percorso guidato. Questo formatopermette inoltre di promuovere percorsi tematici specifici per famiglie o per un pubblicospecializzato, con contenuti aggiornabili con cadenza periodica per instaurareunrapporto di continuità tra sito e visitatore. A causa dell’emergenza covid-19 e della conseguente chiusura dei musei la mappa nonèstata sperimentata lo scorso anno, ma riteniamo che in questo momento di riaperturaedi rinascita, presentarla e sottoporla ai visitatori possa essere un ottimo segnale di
ripresa.
Il progetto è stato anche portato come caso studio all’interno del simposiumREAACH-ID(Politecnico di Torino, Università degli Studi di Padova, La Sapienza Università di Roma) conuncontributo a cura delle insegnanti Benedetta Frezzotti e Serena Fumero dal titolo: L’IllustrazioneAR come mezzo per la valorizzazione e la promozione di luoghi di interesse storico artistico: unasperimentazione all’interno del corso di Tecniche Performative delle arti visive della LiberaAccademia d’Arte Novalia.
Il symposium è avvenuto on-line a causa del COVID-19, di seguito il link al video

Altri articoli

  • Maggio 22, 2024
    Congress Rete Italiana Feste di Sant’Antonio Abate
  • Maggio 22, 2024
    ICPI Congress tout savoir sur les antonins

Eventi e Feste

Eventi e Feste

Schede

Schede